papàSarà il Natale che si avvicina, la voglia di essere strette in una abbraccio che conosciamo in cui possiamo lasciarci andare, chiudere gli occhi e respirare.

Mi manchi papà.

E sono quasi sicura manchi a tutte le donne che leggono, che ora sono diventate figlie del mondo, che viaggiano, scoprono, si reinventano, amano, combattono per trovare ogni giorno quel “sempre qualcosa in più”. Magari è anche merito tuo, papà, se siamo forti e straordinarie. Tuo che ci hai cambiato i pannolini, portato al parco, insegnato ad andare in bicicletta, a chiedere scusa e perdonare, a studiare per essere libere di essere chi desideriamo, ad essere determinate e decise, a soffrire senza arrenderci.

A te papà, che con il tempo hai accettato gli spostamenti di vita, i sogni che cambiavano, i fidanzati che non erano mai giusti, i colori diversi dei capelli, le minigonne troppo “mini”, i rossetti rossi.

A te papà che oggi accetti le città, i paesi, i continenti, la mancanza, i nostro poco tempo da grande metropoli. E accetti il telefono e i whatsapp ed hai persino imparato a fare i selfie per condividere momenti.

A te che resti al tuo posto senza fare rumore, senza ripetere troppo quel “mi manchi, mi manca vedere come cambi, come ti vesti per andare a cena con gli amici o al lavoro, mi manca non poter controllare le ruote del tuo motorino, mi manchi, bambina mia”.  

Ti rivedo spesso, sai papà, come qualche sera fa quando rientrando dal lavoro ho incontrato una bambina bionda con suo padre. Avevano i pattini, si tenevano per mano, lui faceva attenzione ad ogni suo respiro ed andava al suo tempo, eguagliava il suo bioritmo.

Le magie dell’amore.

Berlino, Londra, Barcelona, New York, Dubai, Milano, Stoccolma, ovunque siamo, expat, donne, madri, culi inquieti, culi diventati saldissimi, ricordiamoci di essere figlie e di mandare amore e donare il nostro tempo al primo uomo che abbiamo conosciuto.

Abbracciami papà, mi lascio andare, chiudo gli occhi e respiro.

4 commenti
  1. Licia
    Licia dice:

    Parole forti, pensieri intensi, concetti reali e a volte tristi!
    Articolo completo e scritto da una ragazza profonda! Complimenti!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi