Apfel-rotkohl Gulasch turingia

Apfel-Rotkohl

Quando si parla di cavoli e Germania è quasi automatico pensare al celebre Sauerkraut (il crauto fermentato) che accompagna Bratwurst o Frikadellen (una sorta di polpetta di macinato).
Oggi voglio presentarvi qualcosa di un po’ diverso: si tratta di una preparazione tipica della Turingia dal sapore natalizio, che ben si accompagna anche al classico Braten (arrosto) oppure ai Kloße (dei grossi gnocchi di patate ripieni di crouton o di verdure oppure ancora di carne).
Si tratta del cavolo rosso stufato con la mela e i chiodi di garofano – in tedesco Apfel-Rotkohl -, un classico che non manca mai sulle tavole imbandite in questo periodo dell’anno e che è in grado di mettere d’accordo veramente tutti, anche i più scettici… insomma: provare per credere!

Apfel-Rotkohl-turingia

Ingredienti:
1 cavolo cappuccio rosso
3 cucchiai d’olio
2 mele piccole
1 cipolla
2 cucchiai di aceto di vino
1 cucchiaio di zucchero
4 cucchiai di vino rosso
2-3 chiodi di garofano
1 foglia di alloro
2 cucchiai di farina (per far addensare)
¼ lt di acqua

Procedimento:
tagliare il cavolo cappuccio a listarelle sottili e lavarlo sotto l’acqua corrente, poi metterlo da parte. In un’ampia padella far scaldare l’olio poi aggiungere la cipolla tagliata a velo e la mela tagliata molto piccola. Una volta che queste sono dorate, aggiungere il cavolo e coprire un paio di minuti, prima di aggiungere l’aceto, lo zucchero, il vino e le spezie. Far cuocere una decina di minuti, prima di aggiungere l’acqua e la farina, mescolare affinchè questa ultima non faccia grumi e coprire. Far cuocere a fuoco medio-basso per almeno altri 40 minuti.
Servire tiepido.
Attenzione! Il giorno seguente è ancora più buono, quindi provate a resistere alla tentazione di spazzolarlo tutto e gustatelo intiepidito il giorno seguente, magari con del buon pane tostato. Credetemi: é davvero una piccola leccornia semplicissima da preparare ma in grado di stupire anche gli ospiti più scettici!

Condividi con chi vuoi
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *