Oggi  ho avuto l’ispirazione di scrivere di nuovo, a mo’ di diario, per un paio di motivi. E’ entrata una piumetta di uccellino nella mia stanza ed è anche il compleanno di mia sorella.

Prendo la piuma, la guardo e penso all’uccellino che sta volando libero nell’aria.

Io non mi sento libera come lui, ma comunque devo essere presente nella vita della mia famiglia, anche da lontano.

Mando gli auguri di buon compleanno a mia sorella, esempio di sensibilità verso i bambini e soprattutto verso quelli “speciali”; lei, che è insegnante con il cuore, studia sempre per aggiornarsi.

Le ho inviato anche un video: “Do you wanna build a snowman” di Frozen dove Anna, la sorella più piccola, chiede alla sorella più grande Elsa, da dietro una porta, di fare un uomo di neve e di giocare insieme. Elsa, però, è chiusa con le sue paure nella stanza e non esce.

frozen

Credits: Flickr greyloch Anna and Elsa (Frozen)

Io e mia sorella siamo molto diverse, lei moooolto Italiana, io no. Lei si veste sempre seria, io molto sportiva. Lei parla con tutti, io sono molto selettiva.

Quando eravamo piccole non andavamo d’accordo, adesso la lontananza ci fa comunicare.

Ho sentito tanto il bisogno di avere qualcuno a mio fianco ultimamente. Provo tanta stanchezza a causa del lavoro: a volte torno a casa e mi addormento direttamente., facendo saltare così i miei  piani.

Poi, però, nei giorni liberi mi sforzo di fare qualcosa.

Vuoi per lo stress, vuoi perchè doveva succedere, un giorno non mi sono sentita bene e, dopo aver preso appuntamento con la mia dottoressa, vado a fare un controllo. Le spiego i sintomi e dice che ho avuto una gastroenterite a causa di un prodotto da forno con crema a base di uovo. Così, mi consiglia di bere per 3 giorni l’Aquarius, che è una bevanda a base di sali minerali e di mangiare in bianco e bollito.

Tutto si sarebbe risolto in meno di 3 giorni. Beh, in realtà, non ho risolto nulla: una notte stavo così male che, con  35 gradi di temperatura esterna, io avevo freddo e ho dovuto mettere la coperta addosso; non riuscivo a dormire, accendevo la luce e non vedevo perhè la mia vista era offuscata; in più avevo dolori addominali lancinanti. Alle 6:30 chiamo un taxi e vado all’urgenza della clinica a cui sono associata. Il dottore del pronto soccorso mi guarda e mi fa fare delle analisi, mi rileva la febbre e  la pressione. C’era un’infezione fortissima che aveva preso piede ed è per questo che non riuscivo a vedere.

Avevo paura, piangevo. Avrei voluto avere mia mamma, mia sorella, mio padre lì con me, ma non avevo nessuno e le poche amiche che ho erano al  lavoro e tutte, inoltre, viviamo in zone diverse.

Il buon dottore, per non farmi ricoverare visto che sono sola, mi offre delle soluzioni da bere invece di farle per endovena. Credetemi: il sapore più disgustoso che ho mai potuto provare nella mia vita, due volte al giorno!

Ho dovuto fare una cura di sette giorni di antibiotici fortissimi. Ero uno zombi. Riuscivo a malapena ad andare al supermercato sotto casa a prendere le mele verdi e l’acqua, poi stavo sul letto notte e giorno.

antibiotici

Mi sono fatta una domanda: “starò sola per sempre e in un paese che non è il mio?” Non ho saputo dare una risposta.

Comunque ho la fortuna di avere i genitori sempre disponibili e quindi ero sempre a telefono.

Non lo auguro a nessuno. Poi, una cara persona con sua moglie, in vacanza a Mallorca mi è venuta a trovare. Che felicità sentire una sorta di familiarità, passare ore a parlare ed andare in giro su e giù  come una turista insieme a loro.

Ho provato questa sensazione solo quando è venuta a visitarmi mia mamma. Nel frattempo, a Mallorca, abbiamo avuto un po’ di tutto: caravelle portoghesi,  la fiesta di San Juan sulla spiaggia, squali verdesca a riva, qualche tromba d’aria, eventi e persone discutibili.

Insomma: l’isola è anche tutto questo.

Io continuo la mia vita busy ma ho già voglia di cambiare di nuovo….per migliorare.


Disclaimer : la temperatura va dai 32 ai 36, ma il real feel sono molto di più; l’umidità è  dell’81% e ti fa sudare in ogni dove. Odio questo clima. Le case sono dei forni.

cattedral-mallorca

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi