brotzeitUna cosa che mi ha lasciato perplessa quando abbiamo iscritto i bambini al Kindergarten qui a Freising é il Brotzeit.  

Brotzeit significa merenda e, anche se non appare spesso nei dizionari, qui in Baviera è una parola importantissima.  Tutti, la mattina, partono con un Brotzeit in mano, grandi e piccoli.

Brotzeit per me significa che ogni mattina, ancora con gli occhi semichiusi e il pigiama addosso, devo pensare a cosa mettere dentro le mitiche scatolette di plastica, meglio dette Brotdosen.

Lo ammetto, è uno stress quotidiano al quale spero di abituarmi presto. Si, sono stata viziata dalla scuola dell´infanzia italiana, nella quale tutti i pasti erano preparati dal personale interno, comprese le merende.

Appena arrivati qui, ogni giorno, per un mese, ho chiesto insistentemente a Elias e Giulia cosa avessero come Brotzeit gli altri bambini:

“T. ha sempre Butterbreze”.

  1. ha un panino e un cioccolatino.  Ma tu ci hai detto che la cioccolata non si può portare?!
  2. oggi aveva le fragole, domani le voglio anche io!
  3. ha sempre una scatola gigante piena di roba e non mangia mai tutto.
  4. oggi aveva spiedini di Wurstchen e formaggio.
  5. aveva una scatoletta piena di noccioline, e io gli ho chiesto se me ne dava qualcuna.

brotzeitInutile dire che alcune cose non le darei mai ai miei figli come merenda, da mamma italiana proprio non ce la faccio.

Mi rendo conto però che è solo questione di tempo e alcune cose diventeranno, per loro prima che per me, la normalità e la quotidianità.

D’altronde, come mi ha insegnato la Nonna Ida, “Bisogna star´ col mondo” cioè fare un po´quello che fanno gli altri per essere accettati e per sentirsi parte della società tedesca, che noi genitori abbiamo scelto per loro.

Non sempre, solo un po´ per mimetizzarsi, restando comunque noi stessi. Se fosse per me gli darei sempre crackers e mela, peccato che i crackers cosí come li conosciamo in Italia qui non si trovino, e la mela non sia abbastanza calorica per queste temperature esterne.


Quindi mi invento delle merende miste, grazie alle
Brotdosen a scomparti si può fare!

Oggi, per esempio, ho preparato: per Elias panino con prosciutto, mini-cetriolo, noccioline e dolce fatto da me ieri pomeriggio; per Giulia panino con Nutella, carota, uvetta e dolce.  

Sembra troppo abbondante per bambini di 5 e 3 anni ma, considerando che fanno una colazione leggera verso le 6.30, le temperature fuori sono intorno ai 4-5 gradi e fino alle 14.15 non mangeranno nient´altro, non è per nulla una merenda esagerata.

Comunque, e per fortuna, alle 14.15, a casa, mangiando la pasta al pomodoro, Elias mi guarderà dicendo: “Mamma, è buonissima. Come hai fatto a farla così buona?”.

Per stasera invece mi ha già chiesto “Weißwurst con la Senf”.

brotzeit

donne

VOTACI!

Siamo state selezionate per partecipare al contest “Bloggers Abroad 2017”, un concorso tra i 100 TOP BLOG del mondo a tema viaggio ed espatrio. VOTACI! Se vinciamo utilizzeremo il premio a vantaggio di tutte noi, donne expat o aspiranti expat, sotto forma di iniziative di cui anche tu potresti beneficiare! Vai sul link, cerca il nostro blog “Donne che Emigrano all’Estero”  sulla lista e clicca VOTE! 

10 commenti
  1. Alessandro Martin
    Alessandro Martin dice:

    Il mio Brotzeit é una brioche con ripieno di cioccolato. Purtroppo non ho il Brotdosen, in Italia non siamo cosìorganizzati.

    Rispondi
    • Angela Fisione
      Angela Fisione dice:

      C’è anche un problema di spreco, perché se un giorno uno ha poca fame e mi riporta a casa il panino cosa faccio? Lo butto? Me lo mangio? Boh

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi