samanta-espatrio

Quando inizi veramente a viaggiare – non solo con la mente, ma anche con il cuore – è proprio vero che non ti fermi più e fare una valigia oppure riempire uno zaino diventa un gesto quasi routinario.

Ho iniziato a viaggiare da bambina con i miei genitori e poi – a quattordici anni – sono partita da sola e ho capito che stare ferma proprio non mi piaceva. E le gite sono diventati school-link, poi escursioni, poi ferie all’estero sino alla decisione di trasferirmi sul serio, causando una mezza crisi di panico a chi già mi vedeva sistemata. Magari con un figlio al posto di due gatti.

Mi sono trasferita a Jena, in Germania, con tanta voglia di fare e buoni propositi, ma soprattutto con la voglia di ritrovarmi dopo sei anni lavorativi che mi avevano un po’ fatto perdere la bussola e mi avevano trasformata nella persona ordinaria e quadrata che – ahimè – proprio non sono. Ho avuto la fortuna di incappare in un lavoro che amo molto e che – anche quando è difficile – mi da tante soddisfazioni e mi sta facendo crescere anche a livello umano.

Nel tempo libero viaggio – ebbene sì, soffro del morbo della partenza facile -, faccio fotografie, vado a concerti e mi immergo in questa cultura a tratti affascinante a tratti un po’ pittoresca, che però mi ha subito fatta sentire a casa.

Che ne dite di scoprirla un po’ con me?

http://imanhopelesswanderer.blogspot.com/

Gli articoli scritti da Samanta

algarve-lagos

28 giorni di Algarve: cosa ho imparato

A ventotto giorni dal mio arrivo in Algarve, qualche riflessione, un mezzo bilancio e, come sempre, gli occhi pieni di meraviglia.

kartoffelsalat

Kartoffelsalat che passione

L’insalata di patate alla tedesca, ossia la Kartoffelsalat, è ormai diventata un must dell’estate. È fresca, semplice da preparare e fa da regina ai tanti picnic che qua si organizzano almeno due volte a settimana. Che ne dite di prepararla con me?

Condividi con chi vuoi