“Sì, lo voglio!”

Una fiaba moderna con principi, principesse e tanto gossip

bouquet-sposa-bianco

Che emozione, un matrimonio! Soprattutto quelli che hanno tutto il sapore di una fiaba moderna!

Una giovane attrice americana che sposa un principe, ve la ricordate? Grace Kelly sposò il principe Ranieri il 19 aprile 1956.

La storia si ripeterà tra poche settimane. Il 19 maggio, a Windsor, Meghan Markle sposerà il Principe Harry.

La febbre da royal wedding è già iniziata quasi 6 mesi fa, quando i due piccioncini hanno dichiarato al mondo il loro amore e mostrato il favoloso anello di fidanzamento che Harry ha fatto confezionare per la sua bride to be, con un tocco di nazional-sentimento: un paio di diamanti appartenuti  ad un bracciale della sempre amata Diana.

Non vi dico la reazione commossa e sognate di gran parte del popolo inglese, che ha cominciato subito a speculare e scommettere su cosa e come sarà questo matrimonio, e anche sulla sua durata.

Ma andiamo per gradi.

Ecco il programma del giorno.

I due si sposano a Windsor, nella Cappella di St. George alle ore 12. Seguirà la processione della coppia in carrozza per Windsor, circa 4 chilometri, con saluti vari della folla e urla di gioia.

windsor-cappella-interno

Windsor, la Cappella San Giorgio

E’ prevista una folla oceanica di spettatori: sono circa 100.000 quelli al momento stimati.

Verranno organizzati extra treni e bus speciali per quel giorno. Sono già stati chiesti ai Comuni i permessi per i classici street party preparati per festeggiare gli sposi.

I pub rimarranno aperti da venerdì alla domenica fino all’1 di notte; tenete conto che di solito la chiusura è alle 23.

Nel frattempo, gli alberghi e i bed&breakfast del grazioso paesino sul Tamigi sono già tutti prenotati, e i prezzi sono alle stelle.

Nuova Memorabilia della futura coppia, con tazzine e piattini, bandierine e magliette, vanno già a ruba nei negozi di souvenir.

Il ricevimento, nella magnifica hall di St. George e officiato dalla Regina, conterà circa 800 ospiti, tra cui nomi famosi americani come Serena Williams e l’attrice indiana Prijanka Chopra, che saranno anche tra le damigelle d’onore.

Priyanka

Prijanka

Si dice che ci saranno Le Spice Girls, Ed Sheran, James Blunt ed  Ellie Goulding come intrattenimento musicale.

Non sono invitati, con stupore e un po’ di indignazione popolare, i politici inglesi e i capi di stato stranieri. Trump per esempio è stato escluso. Invece, si dice che gli Obama siano tra gli invitati, per la personale amicizia tra Harry e Barack.

Ci sarà Elton John, immancabile ospite, così come Victoria Beckham e consorte.

Il buon gossip dice che, per la famiglia della sposa, sarà sicura la presenza della madre ma ancora non confermata quella del padre, che è di salute cagionevole; mentre ai fratellastri nessun invito.

Saranno invitati, in tutto, oltre 2600 persone di variegata età e background, come da desiderio della coppia, molto attiva nel campo della Charity.

All’interno di Windsor ci saranno volontari delle associazioni da loro patrocinate, insieme a bambini delle scuole locali e coloro che si sono distinti in atti di generosità e aiuto alla comunità.

Tutti questi invitati resteranno all’interno di Windsor e avranno l’opportunità di  stringere la mano ai nuovi sposi, e verrà offerto loro un immancabile tè con dolcetto.

A officiare il matrimonio saranno due alti esponenti della chiesa Anglicana: il Dean di Windsor e il Vescovo di Canterbury, in una Chiesa gremita di aristocratici e reali.

Il Principe Carlo offrirà poi, verso sera. una cena per pochi intimi a Frogmore House, per celebrare gli sposi e festeggiare in famiglia.

frogmore-house

Frogmore House
Credits: Karen Roe /Flickr

Ma non finisce qui: c’è anche il gossip sui vestiti.

Da tempo  gli inglesi sono impegnati su speculazioni e commenti relativamente al “cosa indosserà la sposa”.

I papabili stilisti sono Burberry e l’israeliano Inbal Dor.

Alcune indiscrezioni sono già state fatte: pare sia desiderio di Meghan , il cui vero nome è Rachel, avere un vestito principesco con gonna ampia. Si parla di pizzi e maniche a tre quarti.

Sicuro è invece che si cambierà due vestiti, uno per la chiesa l’altro per la cena.

Il Principe Harry, invece, vestirà la sua uniforme di capitano della Blue e Royal  Air Army.

Per tutti gli invitati, il dress code è dettato: uniforme o tailcoat per gli uomini, day dress con cappello per le donne.

Meghan-matrimonio-reale

Meghan in una foto tratta da Pinterest

Qui in UK, il sentimento generale nei confronti di questo matrimonio è contraddittorio.

Molti, soprattutto la vecchia generazione, lo vedono come un momento importante che risveglia in loro tutto l’orgoglio e il patriottismo inglese.

Ai giovani, invece, interessa poco: loro sono più orientati verso i classici gossip legati ad un’unione di due persone pubbliche diverse tra loro.

Ci sono state reazioni poco piacevoli, con commenti razzisti, circa l’etnia mista di Meghan, soprattutto da parte di quella frangia attiva che rivendica il popolo inglese  solo come ”bianco”.

Meghan è l’attrice della serie tv Suits. E’ impegnata nel sociale e ha forti opinioni politiche; i suoi genitori, madre afro-americana e padre irlandese-olandese di classe media, hanno una vita comune e ordinaria a Los Angeles, dove poco o nulla si sa dell’orgoglio e dell’amore per la monarchia inglese.

Come verrà accettata dall’aristocrazia inglese lei, donna in carriera con origine afro-americane, in un paese un po’ snob?

Per finire, ecco alcune curiosità sul matrimonio.

Dopo il matrimonio la sposa, come da etichetta, non avrà il titolo di Principessa, ma di Duchessa, e verrà chiamata Sua Reale Altezza Prince Harry del Galles.

I figli della coppia avranno il titolo di Lord o Lady.

Gli inviti sono stati fatti su English Card ma con American Ink.

Essendo gia stata sposata e divorziata (dal produttore cinematografico Trevor Engelson), Megan ha il titolo di Ms., mentre Kate aveva quello di Miss.

lady-diana-ritratto

Lady Diana in un ritratto di Giuseppe Antonio Lomuscio

Per qualcosa di prestato la sposa indosserà, molto probabilmente, la tiara che Diana usò per il suo matrimonio.

La wedding list è stata fatta da John Lewis, una grande catena di negozi inglesi non di lusso.

Gli sposi hanno però sottolineato che non vogliono regali ma preferiscono donazioni alle associazioni volontarie che sostengono; in particolare, hanno indicato quelle che si prendono cura dei malati mentali e delle ragazze abusate.

Il fotografo del matrimonio è un outsider della royal corte: si tratta dell’Americano Alexi Lubomirski. Per il fiorista, invece, la scelta è caduta su un locale; l’arrangement sarà di piante e fiori di stagioni.

Una ulteriore curiosità: il bouquet della sposa dovrà avere dei fiori di mirto perché, secondo la tradizione, il mirto rappresenta l’amore coniugale.

Le damigelle e i paggetti , ovvero flower girls and boys, verranno selezionati tra i bambini al di sotto degli 8 anni tra quelli appartenenti alla famiglia reale, in prima linea i figli di William, George e Charlotte.

Il dolce verrà realizzato da una cake artist americana del quartiere popolare di Hackney: vedremo un lemon and edelflower cake con decorazioni di fiori freschi.

Per la Rehearsal dinner, ovvero la cena per i familiari e amici di solito offerta dalla famiglia della sposa la sera prima del matrimonio, non ci sono ancora indiscrezioni su dove si farà. William e Kate furono ospiti del principe Carlo a Clarendon House. Staremo a vedere.

E come ogni matrimonio vuole, chiudiamo con: “chi paga?”

La Regina ha fatto sapere che sarà lei a pagare per intero i costi… E meno male! Parliamo, infatti, di qualcosa come 32 milioni di sterline. Il costo di un matrimonio medio è di circa 23.000 sterline.

Solo il costo stimato per gli arrangiamenti floreali dovrebbe essere di circa 110.000 sterline.

Non resta che augurare a questa nuova coppia felicità e armonia.

Noi, insieme a tutti gli altri sudditi reali, ci godremo, comodamente seduti, la telecronaca dell’evento in tv.

Speriamo che non piova, anche se si dice sposa bagnata sposa fortunata: lo diranno anche qui in UK?

Meghan-harry

6 commenti
  1. Laura Galles
    Laura Galles dice:

    Ciao Barbara, simpatico davvero il tuo post sul matrimonio dell’anno! Si, anche qui in Galles i commenti sono in generale positivi ma gli anziani, vecchia generazione, sono un po’ dubbiosi vuoi per il carattere e l’etnia della sposa… Anche qui street parties per festeggiare il grande evento! Ciao, lx

    Rispondi
    • Barbara A. Londra
      Barbara A. Londra dice:

      Grazie Laura , sara’ un matrimonio da ”vedere” e speriamo questo nuovo membro ” della casa reale, renda la monarchia piu’ ”umana” e friendly.

      Rispondi
  2. Rita
    Rita dice:

    Spero che sia un matrimonio lungo e felice come il mio , anche io mi sono sposata il 19 maggio e quest’anno festeggerei le nozze d’oro , ma ho perso
    Mio marito da 10 mesi , facevamo progetti per festeggiare e invece . Ma ringrazio di aver avuto 49 anni di matrimonio più tre di fidanzamento sempre innamorati . Auguri quindi a loro ,

    Rispondi
    • Barbara A. Londra
      Barbara A. Londra dice:

      Grazie Rita della tua bella e toccante testimonianza, sei fortunata perché’ hai condiviso una bella storia d’amore , speriamo come giustamente dici tu, anche questi due sposi possano vivere la gioia di un matrimonio felice come il tuo . Un abbraccio.

      Rispondi
  3. Betty
    Betty dice:

    E pensare invece che la novità “genetica” che verrà introdotta da Meghan, con il suo pool genetico così vario e cosmopolita, farà un gran bene ai Windsor, abituati fin dall’antichità ad accoppiarsii fra di loro, zii e nipoti e consanguinei vari…Basti pensare che la regina Vittoria era chiamata “la nonna d’Europa”, da tanti nipoti che aveva messo sui vari troni, e non dimentichiamoci degli Hannover ( che sono poi i Windsor) anche loro su tutti i troni d’Europa…
    W Meghan, una di noi (poveracci popolani…)!!!

    Ciao Betty

    Rispondi
    • Barbara A. Londra
      Barbara A. Londra dice:

      Hai ragione Betty, un po’ di sangue nuovo, vitale e energetico per questa vecchiotta monarchia ci vuole. Diversity and inclusion sono le nuove parole d’ordine per l’Inghilterra.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi