guida-maroccoE fu così che, dopo mesi, anche io mi sono fatta coraggio e ho cominciato a guidare per le strade del Marocco. Mi è sempre piaciuto guidare, e mi è mancato non prendere in mano il volante per un po’, ma ogni volta che vedo i marocchini alla guida mi dico che non ce la posso fare. Alla fine, la voglia ha vinto la paura.

Anche il Marocco ha un codice della strada, ma qui ho l’impressione che venga applicato secondo la propria personale interpretazione.

Che la carreggiata abbia una o più corsie non fa differenza. In una stessa riga guidano quanti più veicoli ci stanno. Auto, motorini e quant’altro sorpassano indifferentemente a sinistra e a destra e se non lo fai anche tu, se non sgattaioli fra un veicolo e l’altro, diventi vittima dell’accessorio favorito dai marocchini: il clacson! Clacson se non scatti prima del verde, se non ti infili fra due auto, se non ti sbrighi a parcheggiare, se sei in coda, se ti annoi in macchina.

Se c’è una cosa che penso non capirò mai del tutto, sono le regole da seguire in rotonda. Eh si perchè, vi sono diversi tipi di rotonda. Il primo, è quello che tutti conosciamo, quello in cui si dà la precedenza a sinistra, ai veicoli già immessi nella rotonda. Questa regola vale se è presente l’apposito pannello indicante la rotatoria. Pannello che, per inciso, a volte manca perchè caduto con il vento, o perchè va sostituito, o è storto, …Poi c’è quella che preferisco: la rotonda con il semaforo. Ci si immette in rotonda quando scatta il verde, e fin qui tutto facile. A metà percorso però, scatta il verde per i veicoli che si trovano dal lato opposto al tuo, e tu, nel bel mezzo della rotonda, ti fermi per dare loro la precedenza. Ma le rotonde non sono fatte apposta per elidere i semafori e velocizzare la circolazione?

Ve ne sono di altri tipi, che non vi posso spiegare perchè non li ho ancora capiti. In quei casi, faccio come mi pare, sperando non vi sia un poliziotto a contestare. Se gli gira male, ovvero se decide di far applicare il codice stradale, è un gran vantaggio viaggiare con un marocchino a bordo.

Ricordo una volta in particolare, dopo che il poliziotto ci ha dato la multa, il mio ex, lo ha convinto a son di salamelecchi, ad abbassarci la multa da 400 dirham a 150 perché – parole del poliziotto – non poteva lasciarlo partire con una ragazza europea con pochi spicci. Addirittura, alla fine di tutto, il caro poliziotto voleva persino pagare la multa al posto nostro. Siamo giovani, i giovani non si dovrebbero multare. No comment…

E poi la mia parte preferita: i sensi unici. Verrebbe da pensare che in una città  piena di sensi unici, sia più facile guidare. Sbagliato! Perchè i sensi unici non sono indicati dall’apposito segnale. Devi saperlo. Devi sapere che nella prima laterale ti puoi immettere, mentre nella seconda le auto sono in uscita, e che nella strada parallela è l’opposto. E se non lo sai? Beh, vai a caso.

Pochissimo tempo fa ho preso un taxi per fare un tragitto che percorro spesso. All’utlimo incrocio prima dell’arrivo a destinazione il tassista mi dice: “Devi scendere qui perchè a sinistra è senso unico”.

Io:”No, è a doppio senso, ne sono più che certa”

Tassista: “No, è a senso unico. Vedi, la maggior parte delle auto arriva dal senso opposto”.

La maggior parte…

E da voi? Come funziona la storia?

guida-rotonda

1 commento
  1. Monica
    Monica dice:

    Ciao, sono stata in Marocco per 15 giorni qualche anno fa e ho coraggiosamente deciso di guidare la macchina, ne abbiamo affittata una per tutto il periodo delle vacanze. Il primo giorno ce l’ho fatta ma é stato un forte stress, il secondo giorni mi sono ritrovata nel centro di una Medina e…. Mi vergogno a dirlo ma mi sono messa a piangere 🤣🤣🤣
    Poi i posti di blocco fuori da ogni piccolo paese hanno cercato di multarmi con qualsiasi scusa, una volta mi hanno chiesto se avevo il triangolo. “Il triangolo?? ” vabbè no comment..
    Un gran casino ma molto affascinante, ci tornerò presto e affitteró un’altra macchina

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi