Di solito queste strade ospitano talmente tante persone che si fatica a camminare veloci.

Il cielo è grigio piombo, grosse nuvole cariche di pioggia coprono la città. Ha piovuto fino a poco fa, ma poi la pioggia è diminuita a poco a poco.

Le raffiche di vento che sferzavano la gente ed i palazzi si sono calmate.

Tutto è come immobile che aspetta. Anche i rumori del traffico sembrano attutiti.

E’ la prima volta che sono fuori con un T8 che si avvicina e mi godo queste sensazioni che sono inaccessibili da dietro i vetri di casa.

Ad Hong Kong questa è la stagione dei tifoni.

Ogni anno, da maggio a fine settembre, potreste trovarvi nel bel mezzo di uno di essi.

Non c’è niente di cui preoccuparvi. Hong Kong è organizzatissima!

Prima di tutto c’è l’Osservatorio che monitora il movimento del tifone di turno: avvisa quanto è vicino ed a che velocità arriva.

Tra l’altro, c’è anche l’App dell’Osservatorio che viene aggiornata in tempo reale.

Non rimarrete impreparate. Ed anche se non avete l’App, tutti i palazzi e tutti gli alberghi hanno i cartelli con i codici del tifone.

L’App dell’Osservatorio mostra il presunto percorso del tifone.

I codici in uso variano a seconda della vicinanza del tifone e, di conseguenza, della velocità del vento:

  • T1 – il tifone non è vicino, le raffiche di vento non presentano pericoli e tutti possono circolare.
  • T3 – il tifone si avvicina. E’ preferibile che bambini piccoli (da 0 a 5 anni) ed anziani rimangano a casa. Gli asili sono chiusi. Di solito il governo prevede in anticipo se il codice T3 arriverà quando i bambini sono a scuola ed allora chiude tutti gli asili prima che cominci la giornata.
  • T8 – il tifone sta passando molto vicino ad HK. I venti sono forti. Scuole ed uffici sono chiusi. Il governo consiglia a tutti di non uscire. L’aeroporto si ferma, gli aerei non decollano e non atterrano.
  • T 9 e T10 – il tifone ci passa praticamente sopra ed è chiuso tutto. Non ci sono mezzi pubblici in giro.

Ci sono anche i codici della pioggia, perché con il tifone arrivano anche piogge violente e continue e alcune parti della città si allagano:

  • Amber rain (pioggia gialla) – piove molto, ma non ci sono seri problemi.
  • Red rain (pioggia rossa) – bambini piccoli ed anziani devono restare a casa.
  • Black rain (pioggia nera) – le scuole vengono chiuse ed i mezzi pubblici hanno difficoltà a viaggiare. Per esempio, a Sai Kung, dove c’è la mia scuola, i minibus non si muovono per via degli allagamenti.

Per informazioni sulla quantità  esatta di pioggia o sulla velocità  del vento per i vari codici, questo è il sito web dell’Hong Kong Observatory dove potete trovare notizie più dettagliate:

http://www.hko.gov.hk/wservice/warning/rainstor.htm

http://www.hko.gov.hk/informtc/precaution.htm

Questo è lo spettacolo che mi sono trovata la mattina dopo, andando a scuola.

Da parte mia posso dirvi che, a scuola, sia gli insegnanti che gli studenti monitorano attentamente i tifoni con la speranza che il codice T8 venga annunciato la mattina prima delle 6 e che duri fino alle 11.30, così che la scuola venga dichiarata chiusa per tutta la giornata.

Tutto l’edificio diventa un mormorio e le notizie volano nei corridoi di bocca in bocca, per poi essere immediatamente confermate con un’occhiata all’App.

Purtroppo l’ultimo tifone dell’anno scolastico è diventato un T8 di notte e, vista la velocità a cui viaggiava (ed a cui tutti i tifoni si muovono), per la mattina avevamo solo un misero T3 che ci ha obbligato ad alzarci presto come al solito ed a metterci in viaggio sotto una pioggia scrosciante.

L’anno scorso io lavoravo con in bambini dell’asilo e almeno ho avuto il vantaggio di non avere i bambini in classe.

In questo periodo ad Hong Kong l’umidità raggiunge facilmente il 100% e le temperature sono molto alte.

Questo è il motivo per cui consiglierei di non venire ad Hong Kong in questo periodo, non per via dei tifoni.

Raramente ci sono problem seri e tutti i palazzi sono stati costruiti per resistere ai tifoni.

Io, come la maggior parte di quelli che non devono lavorare in questo periodo estivo, fuggo.

Di solito in Italia, sulle colline, in cerca del fresco. Almeno fino a quando non devo tornare per l’inizio della scuola.

Mio marito di fronte alla porta del nostro palazzo. Il nastro adesivo serve per proteggere le persone nel caso in cui il vetro vada in pezzi durante un tifone.

Non mi sono mai preoccupata e non ho mai avuto paura neanche con un T10.

Basta seguire gli avvertimenti del governo ed essere pazienti. Il tifone di solito passa in fretta e poi lascia solo una scia di pioggia dietro di sé, che passa in due o tre giorni.

Questo, comunque, può essere un problema se si è in vacanza e si rimane in città solo per poco.

Se decidete di venire in questo periodo, il mio consiglio è il seguente: ciabattine di gomma, pantaloncini corti, uno scaccia-acqua, un ombrello ed una pashmina nella borsa.

I primi per non bagnare i vestiti, perché l’ombrello non protegge molto dall’acqua, e la pashmina perché nei negozi, nei locali, nei ristoranti e nei centri commerciali mettono l’aria condizionata talmente alta che sembra di essere al Polo Nord!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi