Viaggiare e vivere oltreconfine è sempre stata la mia passione.

Adoro scoprire nuovi mondi, nuove realtà, nuove culture.

C’è stato un tempo in cui viaggiavo spesso e mi spostavo anche per lunghi periodi all’estero.

Ma l’espatrio alle Seychelles mi ha dato la possibilità di abbattere tutti i sipari che separano il viaggiatore dagli scenari più autentici di ogni luogo.

Lavorare all’estero credo sia una delle poche vere opportunità per immergersi totalmente nella realtà di un paese.

Espatriare significa mettersi profondamente in gioco, sperimentarsi a vari livelli, attraversare un territorio fisico e mentale che ha il potenziale per trasformarci in persone nuove.

Si diventa infatti più “consapevoli” del mondo e della vita e si abbandonano luoghi comuni e pensieri stereotipati.

L’altra mia passione, dal 2014, è questo blog, che ho fondato e che coordino con autentica passione  🙂

Gli articoli scritti da Katia

Good Bye Lenin

Entrare in contatto empatico  con chi soggiorna  negli alberghi dove mi trovo a prestare servizio: ecco cosa ancora mi piace del mio lavoro. Qui alle Seychelles  ho avuto modo di conoscere personaggi bizzarri: lords inglesi, calciatori, arabi spendaccioni, magnati russi, fricchettoni di ogni genere. In questi giorni sto invece facendo conoscenza e tentando un interloquo con degli […]

Excursus temporale dell’espatrio

Tramite le testimonianze di alcune di noi, abbiamo voluto creare una sorta di “storia dell’espatrio”, che è anche un raffronto tra expat di diverse generazioni. Com’era espatriare 30 anni fa? E 20? E 10? Cosa è cambiato in questo periodo di tempo? Sicuramente la tecnologia, i mezzi di trasporto, le mete scelte ed i luoghi […]

Condividi con chi vuoi