lavorare-svizzera

Gottardo 2016 Festival del Film Locarno

Da quando sono arrivata in Svizzera (Italiana), ho dovuto fare i conti con una realtà a cui non ero abituata precedentemente, vivendo a Roma, ovvero il vivere al Sud di uno stato!

Ebbene, dovete sapere che il Canton Ticino, pur avendo notevolissime qualità e di questo vi ho già parlato nel mio post precedente, è il Cantone più a Sud della Svizzera e anche qui si risente molto a livello economico della crisi, perlomeno facendo un raffronto interno alla Nazione stessa (e non chiaramente raffrontandoci con l’Italia, dove nessun paragone reggerebbe!).

Conseguenza di ciò è che la crisi economica mondiale , che a quanto pare non ha risparmiato nessuno, qui si fa sentire in maniera molto più pressante che in altri cantoni della Svizzera.

E quindi, vi domanderete voi: si riesce a trovare lavoro in Canton Ticino? O meglio  ancora, un Italiano, che volesse “Ex-patriare”, in Svizzera Italiana, che chance avrebbe di trovar lavoro?

Questa domanda, negli ultimi tre anni , me la sono sentita fare talmente tante volte , che adesso, forse, sono in grado di rispondere….pertanto vi elencherò una serie di requisiti, assolutamente necessari affinché possiate tentare, di “far fortuna”, o più semplicemente trovare un lavoro, in Svizzera Italiana:

Innanzi tutto bisogna fare un distinguo tra due tipologie di lavoratori che possono essere presenti sul territorio Elvetico.

I lavoratori Frontalieri e i Lavoratori residenti.

Nel primo caso, si tratta di tutti quei lavoratori che, grazie alla loro vicinanza geografica con la Svizzera, pur vivendo in Italia, quotidianamente intraprendono un viaggio, per raggiungere il loro posto di lavoro in Svizzera Italiana e fanno poi rientro a casa loro in Italia, alla sera.

In questo caso godono di uno stipendio chiaramente migliore di quello italiano, che ha anche un plus valore, perché poi, una volta in Italia, permetterà loro uno stile di vita migliore.

C’è da dire pero’, a discapito di questi lavoratori, che da quando sono qui mi sono resa conto che, nonostante siano in moltissimi e ci siano sempre stati, non sono molto benvoluti dalla popolazione locale, in quanto viene imputato anche a loro una maggior diminuzione di posti di lavoro per le persone locali  che, chiaramente, in un contesto di crisi come quello attuale, non sempre vengono preferiti ai frontalieri, facendo nascere cosi una faida interna senza precedenti e che ho scoperto esistere da sempre!!

I lavoratori Residenti  invece sono gli altri, ovvero coloro che hanno avuto la fortuna, la bravura, l’astuzia, le capacita’ di riciclarsi e/o di utilizzare i loro titoli Italiani (sempre un popolo a caso), per trovare un lavoro al di la del confine, in territorio elvetico e che pertanto hanno stabilito la loro residenza in Svizzera e qui vivono, con o senza famiglia al seguito…, e devo dire, che da quando mi trovo in Svizzera, il numero di coloro che hanno fatto questa scelta, è in continuo e costante aumento!!

Ma quali sono i lavori più gettonati  e in quale contesto  si possono trovare, da queste parti?

Trattandosi di località molto turistiche, il SETTORE ALBERGHIERO è uno di quelli che la fa ancora da padrone;

Ci sono poi molte CLINICHE ed OSPEDALI, ed anche in questo caso, Infermieri e Medici potrebbero essere i benvenuti;

ATTIVITÀ COMMERCIALI: ve ne sono sempre diverse in vendita (visti i tempi), e molte altre che nascono;

Ricordo con piacere, che alcuni mesi fa , ho conosciuto,  una simpatica coppia di ragazzi di Roma (la mia città natale), i quali hanno aperto una Pizzeria anzi una “PINSERIA”, ovvero un particolare tipo di pizza,  che ha la caratteristica di essere particolarmente digeribile, oltre che buonissima, e questo proprio nel cuore di Locarno!

RISTORANTI;

ATTIVITÀ EDILI: Considerate che qui a Locarno ma anche a Lugano e nei dintorni, c’è una quantità di palazzi in costruzione  impressionante e vengono tirati su con una rapidità eccezionale.

INSEGNANTI: mancanoooo gli insegnanti !!

LO so che vi verrà da sorridere, ma gli insegnanti qui sembrano non bastare mai e quelli che escono dai nuovi concorsi, non sono mai sufficienti, rispetto al numero sempre crescente di alunni ,che chiaramente è in aumento, anche per via della grande migrazione da altri paesi.

Insomma di posti di lavoro ce ne sono, chiaramente non sono cosi’ tanti  come invece può avvenire nella Svizzera interna, o in quella francese.

Come poter accedere a questi possibili lavori vi domanderete voi?

La prima cosa che mi viene da consigliarvi è innanzi tutto di venire a fare un sopralluogo nella città che desiderate, poi datevi uno sguardo intorno e cercate di capire cosa vi interessa, ovvero il vostro ambito lavorativo ;

Una volta compreso, cosa desiderate fare della vostra futura vita lavorativa, tenete bene in mente che:

  • potrete avere un permesso di soggiorno per  cercare lavoro in Svizzera – qualora facciate parte di un paese UE – della durata di  3 mesi, prolungabile per altri tre mesi;
  • per lavorare in Svizzera Italiana, vi sara’ SEMPRE richiesto di conoscere la Lingua Tedesca, quindi studiate, perché senza quella non andrete da nessuna parte…, haime’!
  • se avete un diploma di laurea, dovrete farlo convalidare a Berna e prima autenticare da un Notaio in Italia;
  • se avete qualche parente o amico in zona, appoggiatevi a lui, per evitare di spendere molti soldi in strutture alberghiere, e per ricevere qualche consiglio pratico che non guasta mai!
  • affidatevi a qualche società locale, per la ricerca di lavoro tipo Job Contact, questo il sito:

http://www.job-contact.ch/ricerca-lavoro-ticino.html

E poi…in bocca al lupo e buona fortuna, perchè senza un pizzico di quella…non si arriva da nessuna parte!

2 commenti
  1. Gaia
    Gaia dice:

    Ciao,
    anche io vivo da 10 anni in zona, vorrei solo aggiungere che mi sembra non hai sottolineato abbastanza l’importanza del conoscere le lingue.
    Non solo il tedesco ma anche il francese (che qui è la seconda lingua ufficiale), da quanto ho visto io è questo il reale ostacolo per gli italiani.
    Ciao e buon Festival 🙂

    Rispondi
    • Valentina valvo
      Valentina valvo dice:

      Ciao Gaia, non l’ho sottolineato perché da quello che ho visto sono ad oggi mi sembra che la zona sia maggiormente frequentata da svizzeri tedeschi , che da svizzero Francesi… Oltretutto il francese è una lingua ( Latina) più vicina a quella italiana, quindi più semplice da imparare… Certamente anche quella ha il suo peso!! Ma per mia esperienza diretta, mi sembra che senza il tedesco non si possa minimamente accedere a nessun lavoro? Grazie per il tuo prezioso contributo Valentina- Locarno

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi