mexico-en-la-piel

Mexico en la piel

Fra poco di meno di 2 mesi compirò 50 anni, 10 dei quali vissuti in Messico, a Playa de Carmen per la maggior parte di questo tempo.

Il mio piccolo e’ nato qui, a Veracruz , e  questa e’ una storia un po piu’ complicata: una vera telenovela.
Ve la racconterò, un altra volta.
Il Messico e’ un paese che ha moltissima storia, paesaggi meravigliosi ed e’ un paese di mille contraddizioni.mE ora e’ casa mia.
Mexico en la piel, e’ il titolo di una canzone famosa che rappresenta l’orgoglio di essere messicano, e per noi expat e’ come descrivere la sensazione che senti quando cominci a vivere qui.
Non e’ facile e non e’ l’Eldorado ma a me – il Messico –  ha dato tanto.
Sono arrivata a 40 anni con un bambino piccolo e una difficile situazione famigliare e per fortuna non ho mai avuto problemi a trovare un lavoro. Ho iniziato come concierge in un albergo, poi ho fatto la guida turistica, e poi l’assistente turistica prima per un piccolo tour operator italiano e poi per altre compagnie per lo piu’ americane.
Da un paio d’anni lavoro per una impresa che mi sta dando tante opportunità di crescita, e nel giro di poco sono stata promossa a a supervisora: in 5 hotel nella Riviera Maya io dirigo 14 rappresentanti.
Adoro il mio lavoro e quello che mi permette di fare e di vivere.
Mio figlio di 10 anni grazie al mio lavoro ha gia’ vissuto esperienze che difficilmente avrebbe potuto vivere in Italia.
Posso fare gratuitamente tutte le attivita’ che questo meraviglioso paese offre, cosi’ che  abbiamo visitato  Chichen itza, Coba, Tulum, la magica Ek Balam. Abbiamo visitato grotte e ci siamo calati con il rappel nei cenote sacri.
Abbiamo attravesato la foresta correndo sulla zip-line. Abbiamo nuotato con i delfini e i manati’.
Siamo andati a cavallo sulle spiagge bianche e lo so che suona strano pero anche a Cammello!
Ho guidato un quad nella foresta e solcato le onde sul wave ranner.
Abbiamo giocato con i pirati.
e abbiamo guardato lo spettacolo del fondo del mare attraverso l’oblo di un sottomarino.
Abbiamo incontrato sciamani maya che ci hanno dato un po di storia.
Sono stata fortunata ma ho anche lavorato e combattuto tanto per avere quello che ho ora.
Ma molto altro ancora ho  da fare, da vedere e da scoprire.
mexico-piel
Condividi con chi vuoi
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *