Il paese che scegli

laura-selfie

Nessuno ci pensa, ma… quanto è importante il paese che scegli.

Perché prima non lo sai, ma è il paese in cui crescerai, in cui porterai avanti i tuoi obiettvi, in cui dovrai saperti barcamenare più o meno da sola perché ci penserai due o tre volte prima di chiedere aiuto.

È il paese in cui tu spunterà il primo capello bianco perché starai diventando una Donna.

È il paese in cui conoscerai anime diverse, anni luce lontane da te o incredibilmente simili.

È il paese di cui dovrai conoscere la storia, i costumi meno ovvi, i luoghi più inconsueti.

È importante, perché di quel paese imparerai la lingua, che si mischierà con la tua, quella madre e, a volte, ti chiederai in che lingua stai pensando. A volte, ti verranno fuori parole che non saprai da quale delle due lingue provengano, forse – e più probabilmente – saranno un’allucinante invenzione della tua colorata immaginazione. Al supermercato con la cassiera magari parlerai in italiano e a tua madre invece risponderai in spagnolo. 

In quel paese magari conoscerai la persona della tua vita, degli amici, dei bar in cui andrai il giovedì a bere un bicchiere di vino dopo il lavoro e festeggiare la settimana quasi finita.

In quel paese dovrai informarti e sapere tutto della sua burocrazia, oltre che del carattere dei suoi abitanti. Così imparerai a non dire troppo nè troppo poco, a prendere le distanze o a non prenderle per niente.

In quel paese sentirai la vita piena, vivace, il sangue nelle vene, la libertà.

Sentirai le mancanze, le paure, la stanchezza, il peso della responsabilità, la solitudine, il tempo che passa, le lontananze. Sentirai la tua pelle cambiare, irrigidirsi e screpolarsi, i tuoi capelli cambiar forma.

Ti chiederai a chi appartieni, a quale terra a quale mondo, a quale te, se quella che viveva nella terra natia o quella che vive “all’estero”.

Sì, vivo all’estero, vivo un po’ più lontano; nessuno può dire quanto lontano.

Dipende solo da quanto lontana ti senti tu.

Da quella che eri, dall’Italia, dal buon cibo, dai “complimenti dei playboy”, dagli abbracci colmi, dall’amore.

Ma anche dal non lavoro che sogni, dallo stipendio che non è adeguato ai tuoi meriti, dalla spesso piccolezza di vedute.

Bisognerebbe sapere tutto questo, e molto altro, prima ancora di scegliere un altro paese, un’altra vita, un’altra te. E bisognerebbe poi chiedersi:

“allora, sei pronta a saltare?”

15 commenti
  1. Elisa
    Elisa dice:

    Ottima scelta bcn non su tu quando ti sei trasferita,credo che adesso sia durissima solo per gli affitti
    Io la amo e amo le sue tradizioni
    Ma é diventata una cosa….

    Rispondi
    • Laura Cavalcante
      Laura Cavalcante dice:

      Ciao Elisa,

      confermo, adesso a Barcellona gli affitti sono alle stelle, c’è un’altissima domanda.
      Io sono stata fortunata, ho trovato una bella casetta (la divido con un’amica greca) in una bella zona che non è economicissima ma è molto comoda e soprattutto è quello che cercavo.

      Un abbraccio
      Laura – Barcellona

      Rispondi
  2. Valentina
    Valentina dice:

    Barcelona la scegli e resta. Per me è il grande amore. Se dovessi tornare a vivere in una grande città sceglierei ancora lei nonostante peggiori, nonostante tutto. Condivido ogni parola ma alle volte sono i posti a scegliere te. A me è capitato qui ma non so spiegare il perché.

    Rispondi
    • Laura Cavalcante
      Laura Cavalcante dice:

      Siamo due amanti di Barcellona, è straordinaria e la vita (la maggior parte delle volte) super “agradable”.
      Mi piacerebbe essere scelta da un luogo e sentire quella magia / energia.
      Ci racconteremo presto dal vivo.

      Ti abbraccio forte forte,
      Boa sorte!

      Laura – Barcellona

      Rispondi
  3. Elisa
    Elisa dice:

    Ah guarda nemmeno io so spiegarti il perché metà del mio cuore è li non ti parlo di un ragazzo proprio metà cuore è della Catalunya tradizioni comprese…chissà forse riuscirò a restarci con tutti questi andare è vieni o forse non devo metterci radici.sciegliere un altra meta che mi faccia lo stesso effetto……vedremo…..

    Rispondi
    • Laura Cavalcante
      Laura Cavalcante dice:

      La Catalunya è una terra bellissima.
      In bocca al lupo per il tuo futuro, ovunque sia (lasciati guidare dalla vita:))

      Un abbraccio
      Laura – Barcellona

      Rispondi
  4. Laura
    Laura dice:

    Purtroppo non capita mai di potere scegliere il posto. Si scelgono le condizioni sperando che ne valga la pena. Se il posto ti cattura, restaci. Io non ho ancora avuto un posto che mi abbia trattenuto, avuto dico, non trovato. Mi piacerebbe sentirmi bene in un posto soltanto!

    Rispondi
  5. Marti
    Marti dice:

    Io a Barcelona ci ho lasciato il cuore. La catalonia e’ la mía seconda casa. Ci ho vissuto otto anni. Ora vivo a Madrid, non e’ stato amore a prima vista come lo fu con Barcelona, ma mi sta conquistando a poco a poco.

    Rispondi
    • Laura Cavalcante
      Laura Cavalcante dice:

      Ciao Marti,

      io adoro Madrid, la trovo elegante, signora, bellissima.
      Ci faccio un pensierino spesso, non te lo nascondo, magari sarò una tua concittadina un giorno. Nel frattempo ti saluto Barcellona:)!

      Un abbraccio,
      Laura – Barcellona

      Rispondi
  6. Monica
    Monica dice:

    Complimenti per il tuo articolo! Mi sono ritrovata nelle tue parole, nelle tue sensazioni, in tutto! Grazie, grazie per ricordarci come sia vivere all’estero. Hai un contatto? Ti dovrei chiedere alcune cose su BCN. Un abbraccio da un’altra expat

    Rispondi
    • Laura Cavalcante
      Laura Cavalcante dice:

      Ciao Monica,

      grazie a te per avermi letta e per aver scritto questo commento che mi riempie di gioia. Non sai quanto sia felice di leggere che tu ti sia ritrovata nelle mie parole, è il complimento più bello e gratificante per me.
      Ecco quì i miei contatti:
      E-mail: cavalcantelaura5@gmail.com
      Facebook: “Laura Cavalcante”
      Instagram: @laucavalcante

      Grazie,
      Un abbraccio
      Laura – Barcellona

      Rispondi
      • Monica
        Monica dice:

        Grazie mille per avermi dedicato il tuo tempo, ti scrivo per privato.
        Grazie ancora davvero, il tuo articolo e’ talmente bello e forte che me lo sono scritto e appeso in camera!
        Un abbraccio, Monica che ti scrive da Malta

        Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi