Sono figlia di italiani  cresciuta a Parigi, la città che ha forgiato la mia parte di indole francese.

Insegno la lingua francese nel mondo, adesso la sto insegnando da sette anni in Kuwait.

Sono arrivata a Kuwait City  dopo aver risposto ad una inserzione di lavoro. Atterrai di notte, durante il Ramadan: di quel primo impatto ricordo la stanchezza, la moltitudine di gente in aeroporto e le preghiere del Muezzin che mi svegliarono il mattino all’alba.

Adoro il lavoro che svolgo, amo i ragazzi a cui insegno.  Il Kuwait mi ha dato tantissimo a livello professionale, ed ha rappresentato quella dose di adrenalina che la mia vita esigeva nel momento in cui accettai l’incarico in questo paese del Golfo Arabico.

Non so se resterò tutta la vita in Kuwait, certo non smetterò di viaggiare e di stupirmi.

Gli articoli scritti da Isabelle

partenza-avvicina

La partenza si avvicina

Sarà per questa ragione che tante persone rimangono ferme, nella loro “comfort zone”. Immagino che sia rassicurante per loro e si chiederanno “perché cambiare, perché prendere un rischio”? Avranno ragione? Non so. Quello che so invece è che essere un expat è uno stato d’animo. […] Per quanto mi riguarda, ho sempre voluto viaggiare e uscire dalla mia comfort zone; è una necessità. Questo, mi permette di andare oltre le mie angosce, di sfidare me stessa, di conoscere i lati nascosti della mia personalità, le mie forze ma anche le mie debolezze.

Animali ed espatrio: la mia esperienza in Kuwait

Siamo arrivati in Kuwait in due e lo lasceremo in quattro… con i nostri due migliori amici! Quattro anni fa, mio marito ha portato un gattino a casa che aveva trovato fuori dal ristorante dove lavorava. Ricordo la prima cosa che ho pensato quando l’ho visto… “oddio, che bruttino!”. Era una cosa piccolina e magra, […]

Condividi con chi vuoi