principessaNon so come, ma Walt Disney ha sempre la capacità di farmi commuovere.

Il  Natale appena trascorso, come da tradizione, mi sono riunita con i mie fratelli più piccoli per guardare con loro uno dei suoi ultimi film d’animazione: VAIANA.

Vaiana racconta la storia di una ragazza polinesiana che diventerà presto regina del suo popolo. Ma la sua terra è a rischio in quanto, anni prima, era stato rubato il cuore alla Terra Madre che dava il potere di creare la vita.

L’Oceano sceglie Vaiana per recuperare il cuore e restituirlo alla legittima proprietaria e lei sceglie di ascoltare la chiamata del mare, nonostante vada contro il volere del padre,  e parte sola, all’avventura, con l’obiettivo di salvare il suo popolo.

Commuovendomi, mi sono rivista in quella ragazza che abbraccia la famiglia dopo aver deciso di partire. I genitori, anche se contrari, la salutano e accettano tristemente la sua decisione.

Mi sono rispecchiata in quegli occhi pieni di luce e di entusiasmo, che osservano il mare azzurro e ho sentito il profumo di libertà quando la nave della fanciulla varca i confini dell’isola.

Vaiana, inesperta in navigazione, sbaglia rotta e si perde ma, nonostante tutto, cavalca le onde senza arrendersi: è determinata verso la sua missione, costi quel che costi.

Ritengo che, questa nuova principessa Disney è la perfetta raffigurazione animata  della donna emigrante.

La cosa che mi fa più piacere è che lo stesso Walt Disney si è accorto che le donne di oggi non sono Biancaneve e Aurora, che aspettano dormendo il bacio del principe, ma sono donne che sanno cosa vogliono e se lo vanno a prendere creando il proprio destino.

Se oggi nei grandi schermi dei film d’animazione ci sono protagoniste diverse da quelle con cui siamo cresciute noi, vuol dire che stiamo facendo rumore.

Stiamo facendo rumore con le nostre storie di emigrate, con i nostri viaggi da sole, con il nostro spirito coraggioso che affronta le sfide e i cambiamenti a testa alta, anche quando non sappiamo come sarà la corrente.

Oggi siamo ancora definite coraggiose, temerarie, diverse. Siamo definite, talvolta, incoscienti e poco attente.

Io sono orgogliosa di fare parte di questo movimento e di questa rivoluzione. Sfidando i confini e i limiti che qualcun altro ha imposto per noi, stiamo riscrivendo la storia.

Domani sarà tutto normale, come le donne che votano, le donne che lavorano, le donne viaggeranno e emigreranno senza dar nell’occhio. Oggi dipende da noi ma, se se n’è accorto Mr, Disney, siamo sulla buona strada.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi