michela-giostra-fidanzato

Dove i social non arrivano ci pensano le expat!

L’altra sera ero nel letto dopo aver finito “la mia vita non proprio perfetta” di Sophie Kinsella a pensare che la nostra vita social non racchiude propriamente la quotidianità del vivere all’estero.

Anche il mio instagram è così; due giorni fa ho postato una serie di foto del bbq fatto con la mia famiglia nel giardino del complesso residenziale di dove vivo, ecco non è una cosa che facciamo tutti i giorni e anche i bagni in piscina e le sere nei locali (che chiudono alle 22:00!).

Ma sapete una frase che tutti noi ci sentiamo dire tutti  i giorni? “Fai proprio la bella vita”.

Proprio come la protagonista del libro tramite le foto mostriamo una vita senza nessuna preoccupazione: ma non è così, vero?

Alzi la mano chi è stufo di sentirsi dire sempre le stesse cose, chi è stufo di spiegare che tutto quello che mostriamo non è nulla in confronto ai salti mortali della vita di tutti i giorni, che i nostri soldi sono in proporzione alla vita del Paese e  che ci sono momenti duri.

Quindi eccomi qui a regalarvi alcuni pensieri di vita quotidiana di noi expat, spero che vi piacciano e che questo diventi un momento di sollievo.

Quell0 che gli expat non dicono:

“Mi vedono in piscina o quando mi trovo nelle belle spiagge della Florida..non sanno che lavoro doppio tutti i giorni barcaminandomi tra un lavoro ed un altro e una giornata che inizia molte volte alle 6 del mattino”  Michela-Florida

” Tutti invidiano la mia vita a Manhattan..non sanno che è stressante, incasinata e sopratutto carissima”  Susanna- New York

” Quando convertono il tuo stipendio da sterline ad euro pensano che io guadagni bene…non sanno quanto sia costosa la vita a Londra”  Elena-Londra

” Le persone pensano che qui il lavoro te lo tirino addosso…non sanno che il processo di selezione è estenuante e ha requisiti anche fin troppo precisi”  Samanta-Germania

” Quando le persone pensano che trasferirsi in un paese straniero con figli a carico sia una passeggiata…ma non è una scelta semplice e indolore e lascia strascichi in chi parte e chi resta” Laura B- Doha, Qatar

“Guadagni benissimo, mi dicono, non dovresti lamentarti di dove vivi. Hai una vita migliore. Pago 5 assicurazioni diverse, io e mio marito lavoriamo doppio entrambi per realizzare la nostra vita” Cinzia- Miami

Come vedete abbiamo tutte una vita molto normale con preoccupazioni, bollette e assicurazioni. Nessuna bella vita, anzi una vita molto normale piena di alti e bassi.

Io, personalmente, mi sento molto fortunata a vivere in un paese che mi permette di fare tanto e di avere tanto a 22 anni, ma questo non vuol dire che non ci siano spese o preoccupazioni.

Quindi chiedo a voi: cosa non dite?

Se vi va di scrivere  nei commenti un vostro pensiero, usate l’hashtag #quellochegliexpatnondicono sui social per raccontarvi, raccontateci la vostra vita così da ritrovarci insieme.

1 commento
  1. Laura
    Laura dice:

    Ovviamente tutte noi abbiamo un lavoro, le bollette, le preoccupazioni, i weekend sui libri, le zanzare, un capo etc. Ma se raccontiamo di cio’ , e’ perche’ ci sorprendiamo ancora

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi