Il sabato mattina, all’alba, a Cusco, c’ e’ un appuntamento importante: il Baratillo ovvero il mercatino economico. Li’ si vende e si trova di tutto.

Vista sul Baratillo

Vista sul Baratillo

Ci sono stata due sabati fa con Maria e le sua sorelle. Cercavo delle tele. Adesso ci  torno per comperare un buon giubbotto. Si, perché  ne avevo visti di belli in un negozio nella zona. Io voglio un giubbotto della North Face, originale, color rosa fucsia, uno di quelli  in piuma d’ oca, uno di quelli che si  rimpiccoliscono piegandoli e che possono entrare  in una piccola borsa.

La sveglia suona prestissimo, all’alba. Esco di casa chiedendomi se non sia per caso troppo presto, perché  il sole non e’ ancora alto e ancora si puo’ incontrare qualcuno  per strada che rientra dai bagordi notturni della sera prima. Ma e’ irrilevante : devo essere io la prima ad entrare nel negozio di articoli sportivi firmati, quel giubbotto deve essere assolutamente mio. Forse vi sorprende che una – a luglio – voglia comperarsi un giubbotto di piuma d’ oca: pero’ qui siamo nell’emisfero sud, è  pieno inverno e giusto ieri ha nevicato.

La strada mi accoglie in direzione Baratillo.

Baratillo e’ un vezzeggiativo di ‘barato‘, che significa economico. Si’, era ancora molto presto. Fuori non c’e’ ancora nulla, tranne  gente seduta o distesa sui vari campetti di calcio, su delle  tavole o su quello che meglio possa accoglierli. Sono tutti  ben coperti e con l’ immancabile berretto in testa: adulti e bambini. Il sabato mattina affluiscono persone provenienti dalla Bolivia e dalla regione del Titica: vengono a Cusco a vendere i loro prodotti tessili o i vestiti europei, americani o anche sudamericani di seconda mano. Il loro orario di vendita e’ dalle 5.30 del mattino alle 7.30. Poi devono sgomberare, perché  inizia il mercato “vero”, il quale è riservato solo a venditori  locali. Vi chiederete come mai queste persone viaggiano  tanto per venire a vendere le loro mercanzie per sole due  ore al Cusco. Il fatto e’ che il Cusco e’ un mercato dove gli avventori hanno  un potere d’acquisto  più alto e sono anche molto  interessati ai vestiti ed ai  tessili di qualità. A una persona dell’ altopiano le cose firmate interessano meno che ai cittadini del Cusco, quindi i cittadini dell’ altipiano raccolgono dalle istituzioni internazionali i vestiti usati da tutto il mondo e  li rivendono poi un po’ a La Paz e un po’ in Cusco.

Passeggio per la zona del Baratillo , inquadro il negozio degli articoli sportivi che mi interessa ma e’ ancora chiuso: c’e’gente che entra con borse molto grandi, ma mi accorgo che  sono i fornitori. Mi dicono  che il negozio apre  alle 8 ed essendo io ero arrivata alle 6 del mattino, ho a mia disposizione quasi due ore di tempo per visitare  il resto della zona.

Mi inerpico su per la via fino ad arrivare al campetto di calcio monopolizzato da altri  banchi del Baratillo. Ci sono molte persone, mamitas, papitos y ninos, come si dice qui, alcuni ancora mezzo addormentati, tanto e’ mattina presto, alcuni già hanno iniziato  a presentare la loro merce. Le mamitas portano dei grossi sacchi dai quali tirano fuori i giubbotti. Al momento di presentarli li tiraano in aria, uno per uno, in modo tale che ciascuno di noi possa subito acchiapparne uno al volo. Intorno ad ogni mamita ci sono quattro compratori professionisti di articoli di marca, pronti a combattere per portarsi a casa alcuni giubbotti delle marche più conosciute. Pensando che forse baratillo scarpeposso fare l’affare del giorno, sono pronta anch’io all’azione nel branco di questi lupi compratori. Vola un giubbotto, ne vola un secondo… ma io non ho l’occhio per capire quale sia vero e quale  una copia, così alla fine decido di rinunciare all’impresa.

Finalmente sono  quasi le 8 del mattino, il negozio delle marche sportive originali  sta per aprire ed io mi catapulto dentro alla ricerca del mio giubbotto. La  commessa tira fuori quello di colore  fucsia, lo provo e mi rendo conto che mi sta stretto alle spalle. Ne adocchio uno rosso, sportivo, in piuma d’ oca, lo provo,mi sta bene. Non conosco il brand, ma si vede che la qualita’ e’ buona. Al suo interno  l’etichetta e’ al lato con il nome , in giapponese, della precedente proprietaria.  Alla fine decido, e’ mio.

Il ritorno a casa e’ felice: finalmente oggi posso indossare anch’io  un giubbotto vero, bello, pratico e leggero grazie al mercato del Baratillo.

Il campetto da calcio monopolizzato dal Baratillo.

Il campetto da calcio monopolizzato dal Baratillo.

.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi