thai


 PSICOLOGIA

Il viaggio più importante è quello che ogni donna compie dentro di sé.

Possiamo attraversare continenti interi, cambiare casa, mettere su famiglia in un Paese dalla cultura incomprensibile, e cambiare ancora destinazione. Ciò che non cambia, ma al contrario rimane fermo e si fortifica, è il carattere che trasforma la nostra storia. La forza del carattere è un tema fondamentale in questo blog, senza il quale non avremmo post da leggere, ad esempio.

Ogni donna è il personaggio principale nell’intreccio della storia della propria vita. Ho ascoltato molte storie di donne, e spesso ritrovavo dimensioni mitiche: alcune donne vanno dal terapeuta quando sono sfiduciate o sentono che qualcosa non va; altre, quando percepiscono di trovarsi in una situazione che devono comprendere e cambiare. In entrambi i casi, mi sembra che cerchino l’aiuto del terapeuta per imparare ad essere migliori protagoniste o eroine della loro storia. Occorre quindi che facciano scelte consapevoli, scelte che daranno un’impronta precisa alla loro vita. Se un tempo non si rendevano conto dei potenti effetti che gli stereotipi culturali esercitavano sulla condizione femminile, oggi le donne possono essere inconsapevoli delle potenti forze interne che condizionano le loro azioni e le loro sensazioni. E’ di queste forze, sotto forma di divinità femminili dell’antica Grecia, che intendo parlare in questa pagina. La prospettiva Jughiana ci ha permesso di capire che le donne sono influenzate da potenti forze interne o Archetipi, che si possono vedere impersonati dalle divinità femminili greche.

Quando una donna viene a sapere che c’è una dimensione mitica in ciò che sta facendo, quella conoscenza ispira centri profondamente creativi. I miti evocano sentimento e immaginazione e toccano temi che fanno parte dell’umanità intera, ripetendosi sempre uguali nella storia. I miti greci, come tutte le favole e i miti diversi che si narrano ancora oggi, dopo migliaia di anni restano attuali e significativi sul piano personale perché contengono un anello di verità che accomuna l’esperienza umana di tutti.

La conoscenza delle divinità femminili fornisce alla donna una chiave per la comprensione di sé e dei rapporti che stabilisce con gli uomini e con le altre donne, con i genitori, gli amanti, i figli, utile anche per capire ciò che funziona da motivazione (o addirittura da coazione), o ciò che è frustrante o gratificante per alcune donne e non per altre.

All’interno della pagina, attraverso la mia esperienza di terapeuta e di terapeuta expat, analizzo le principali dee greche nelle loro peculiarità caratteriali e psicologiche, ognuna con i suoi punti di forza e le sue debolezze perché possano essere stimolo di riflessione e cambiamento. Così vengono esaminate le Dee Vergini e forti: Artemide, Atena ed Estia; le Dee Vulnerabili: Era, Demetra e Persefone oltre alla Dea alchemica Afrodite. Nessuna emergerà come perfetta, nessuna è immagine piena della donna al massimo del suo potere femminino.

Da qualche mese, affronto questi temi a Phuket (Thailandia), dove vivo, all’interno di gruppi di donne expat che provengono da diverse parti del mondo. Insieme affrontiamo un viaggio attraverso queste figure divine, dove ogni donna può riconoscersi più o meno completamente nei tratti dell’una o dell’altra dea. Ciò che accomuna queste dee, come le donne che vengono ai miei gruppi, è la spinta a compiere il proprio viaggio personale e a divenire eroine della propria vita. Ognuna dovrà affrontare compiti e difficoltà attraverso cui acquisire la propria conoscenza e la capacità di decidere del proprio cammino.

Così alle donne governate dall’archetipo delle dee vulnerabili è richiesto il compito eroico di affermare se stesse, mentre le donne  che vivono il mito delle dee vergini dovranno riuscire a mettere in gioco l’intimità; il loro coraggio sarà richiesto nel riuscire a fidarsi e ad aver bisogno di qualcuno.

supporto
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi