Ammettiamolo: a volte capita proprio di non riuscire a muoversi da casa propria se non per un paio d’ore e le foto delle vacanze al mare dei nostri amici non aiutano di certo a mantenere quell’aura zen della quale siamo tanto fieri. Ergo che fare?
Ecco a voi una piccola lista di attività con le quali impegnare un paio d’ore e godersi al meglio queste – poche – giornate di sole e fare – come si suol dire – di necessità virtù.

Andate al parco. Probabilmente mi godo questi momenti perché adoro passeggiare, da sola o in compagnia, con la mia musica preferita nelle orecchie oppure godendomi il silenzio che mi circonda. Quasi tutte le città hanno almeno un parco oppure una piccola area verde dove poter passare un paio d’ore e rilassarsi a dovere. Qua volendo c’è addirittura un boschetto e un sacco di passeggiate – più o meno impegnative -. Uno dei miei momenti preferiti è appunto quando riesco a prendermi un paio d’ore e godermi la quiete di un angolo verde, magari armata di un buon libro, di un po’ di frutta tagliata e della mia fidata bottiglia d’acqua. Ho scoperto, infatti, che un paio d’ore passate a rilassarsi ed eventualmente meditare in mezzo al verde apportano un sacco di benefici, una ventata di buon umore e – perchè no? – un po’ colore a questa pelle color mozzarella. 😀

vacanze-germania-parco

 

Andate allo zoo. Okay, lo ammetto: inizialmente ero molto scettica per quanto riguardava il tema “zoo”. Avendo letto un sacco di articoli in merito ad animali che impazziscono in cattività, l’idea di dover contribuire a questo genere di business non mi convinceva proprio per nulla. Quando abitavo in Saarland, poi, ho scoperto però l’esistenza dei cosiddetti “Wildpark”, una specie di versione “autoctona” dello zoo, dove si possono vedere solo animali tipici del territorio (in quel caso volatili, cinghiali, buoi, cavalli…). Quando non sono certa che gli animali siano trattati come si deve e temo che li rinchiudano tutti in gabbie minuscole, insomma, propongo sempre una visita al wildpark più vicino. Credetemi: adulti e bambini non ne rimarranno delusi!

vacanze-germania-zoo

 

Andate al museo. “Museo? Ma che barba..! E chi ne ha voglia!?”. Lo so: la maggior parte di voi conosce almeno una decina di persone che alla parola “museo” inizia a sbuffare. Io sin da piccola ero un po’ l’eccezione ma so bene che non tutti si dimostrano entusiasti di fronte alla prospettiva di trascorrere le proprie vacanze – lunghe o brevi che siano – rinchiusi in un luogo noioso per definizione. Eppure posso assicurarvi che ci sono un sacco di piccoli e grandi musei che fanno la gioia di grandi e piccini, soprattutto perchè sono attrezzati con tutta una serie di attività il cui scopo è – appunto – quello di accattivare una fascia di pubblico più giovane. Non è insolito, insomma, trovare musei della scienza pieni di attività interessanti e al contempo divertenti, oppure piccole aree gioco all’interno dei musei dove colorare l’immagine di uno degli oggetti esposti, imparare a preparare il the o ballare come facevano gli indiani delle Riserve.  Insomma: perché non provare?

vacanze-germania-museo

 

Scoprite cosa si nasconde intorno a voi! Le più grandi scoperte sono avvenute per caso, così come i grandi amori e le grandi meraviglie. Non scoprirete nulla rimanendo chiusi in casa a rimuginare sulle vacanze in Costa Azzurra che non vi siete potuti concedere. Aggirandovi nei dintorni di casa vostra con un occhio curioso e una mentalità aperta, invece, avrete la possibilità di scoprire piccole e grandi meraviglie alle quali non avevate ancora prestato sufficiente attenzione e – credetemi! – ne rimarrete incantati. Dal negozietto di ceramiche, all’antiquario sino alla signora che vende ciliegie per strada, ci sono un sacco di piccole cose che – se accolte con gratitudine – sono in grado di rivoluzionarci la giornata: basta mettersi in moto e cercarle.

Insomma, che aspettate? Spegnete il PC, armatevi di occhiali da sole e buoni propositi e godetevi queste poche ore di relax. Vi sembrerà di essere in vacanza, promesso! 😉

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi