Volontariato all’estero: nasce Altru

altru

13 Giugno, Barcellona.

L’estate catalana, dopo averci fatto attendere, si è più o meno palesata.

Caldo e giornate che si allungano, voglia di non cucinare, non lavorare, eccetera eccetera eccetera.

Facciamo il conto alla rovescia e segniamo sul calendario i giorni che ci separano dalle nostre vacanze.

Prima Londra poi finalmente l’Italia, la mia Sicilia.

Londra sarà solo per pochi giorni, per riabbracciare la mia amica Ersilia e dare forma a qualche nuovo progetto.

Mi fermo in Sicilia circa due settimane (devo ancora comprare il biglietto) e ne ho una voglia matta.

Oggi però sono qui, seduta alla mia tastiera, non per parlarvi  delle mie vacanze estive ma per raccontarvi di Altru.

Passo indietro.

Nell’articolo scritto per il mio compleanno, avete conosciuto la mia amica Mariana. Una messicana tutta arte e creatività, incontrata durante il master di Marketing Digitale svolto oramai due anni fa.

Mariana frequentava il master di eCommerce e ci incontrammo nella caffetteria dell’Università.

Mariana è stata quella persona che mi ha introdotto ad “Altru”.

Altru è un’associazione creata da giovani come me, che potremmo definire millennials, che hanno voglia di contribuire a trasformare e rendere  un po’ più bello il mondo che abitiamo.

Wow che avanguardisti, che ipocriti, che illusi… potreste pensare questo, lo so.

Ma vi assicuro che c’è di più, dietro Altru.

C’è una scelta, c’è del tempo investito (sere e notti, giorni liberi, week-end), c’è una consapevolezza molto, molto umana.

Siamo 9 ragazzi, di cui 6 barcellonesi, una messicana, una tedesca e un’italiana.

Ci riuniamo una o più volte a settimana nei caffè della città dalle 18 in poi, arriviamo con pc, quaderni scritti pieni di idee (più o meno confuse, più o meno ordinate), presentazioni in Power Point da rivedere insieme e nuovi brainstorming da iniziare.

Ci scriviamo su whastapp in un gruppo che non dorme mai, neanche nelle ore in cui dovrebbe farlo, ci chiediamo consigli su qualsiasi cosa dal “cosa ne pensate di questo copy per il post su Facebook” al “domani ci riuniamo a casa mia, la mia coinquilina è fuori città”.

Facciamo lavori normali, ognuno per conto proprio, ognuno con un background diverso.

Mariana è una designer di moda, Oriol un coordinatore d’azienda, Verena una UX designer, Gerard un responsabile di comunicazione corporativa.

Abbiamo delle vite metropolitane, relazioni, viaggiamo ma, soprattutto, sogniamo.

Altru nasce da un sogno e diventa senso di responsabilità ogni volta in cui ci vediamo e  scaldiamo i motori per portare a casa il risultato.

Altru è un’associazione senza animo di lucro che promuove iniziative con finalità umanitarie e sociali; identifichiamo cause sociali, umanitarie e culturali e diamo loro supporto.

Sostanzialmente, Altru organizza eventi solidali per sensibilizzare e raccogliere fondi che poi destina alla causa scelta.

Il primo evento che abbiamo realizzato ha avuto un esito straordinario che nessuno di noi si aspettava.

Abbiamo raccolto più di 3.000 € per l’iniziativa “Aprenem Familias en Xarxa”, progetto che promuove l’integrazione culturale in Catalogna.

L’evento è stato semplice e con pochi fronzoli, abbiamo preso il microfono e spiegato cosa siamo, cosa è Altru; è emerso, credo, cosa vogliamo portare avanti.

Altru è appena nato e, come tutti neonati, è in quella fase di interessante esplorazione.

Ma ha le idee chiare: sa che vuole essere una realtà, che vuole sostenere e aiutare il più possibile, nel suo piccolo.

Siamo milionari, tutti quanti: abbiamo un tetto sopra la testa, un piatto sul tavolo ogni sera, una spalla su cui appoggiarci, un paio di pantaloni da indossare ed un telefono per inviare un sms.

Forse a volte desideriamo troppo, forse a volte non siamo capaci di guardare più in la del nostro naso.

Non vogliamo insegnare niente a nessuno e ciascuno vive per come vuole vivere, trovando più o meno l’essenza o la forma che sia.

Semplicement, da adesso esiste Altru e con lui ci sentiamo più completi.

La vita è più piena, probabilmente più bella, con una consapevolezza nuova.

Lasciateci continuare.

Lasciateci sognare.

Dejadnos seguir.

Dejadnos soñar.

altru

2 commenti
  1. Valentina
    Valentina dice:

    In questo mondo ci vogliono più persone che si occupino di altre persone. Continuate così e fatelo come vi suggerisce il cuore.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi