Agnese

Sono un gabbiano che non appartiene a nessun paese, nessuna spiaggia è la mia patria, non mi affeziono ad alcun luogo, volo di onda in onda.
Questa celeberrima frase di Elisabetta d’Austria è diventata la mia forza segreta da quando, due anni fa, ho lasciato Roma affrontando il mio primo trasloco, che nei due anni successivi ha raggiunto quota quattro. Ho vissuto in posti così diversi da Roma, come Oxford, Londra, San Francisco, e adesso New York. Ma quest’ultima ha qualcosa di speciale, qualcosa che mi ha rapito il cuore la prima volta che l’ho vista, nell’agosto del 2014. Ancora non sapevo che sarebbe stata la città nella quale avrei iniziato a ricostruire la mia vita, giorno dopo giorno, avendo come punto di riferimento nient’altro che me stessa.
Mi sono laureata in Italia in Editoria e Giornalismo, per un periodo ho lavorato come traduttrice a Roma, poi, dopo varie vicessitudini, ho deciso di imbarcarmi in questa impresa che è sopravvivere nella Grande Mela. Qui sto finalmente dedicandomi alla mia passione: la scrittura. New York è una musa speciale, se la guardi con occhi attenti anche il particolare apparentemente più insignificante può diventare un’ispirazione.
Vi invito, allora, ad esplorare New York attraverso i miei occhi, ovvero quelli di una giovane donna che giorno dopo giorno sta cercando di trovare il proprio equilibrio in una città che sfreccia veloce come la luce.

http://www.unaromanaanewyork.com/

Gli articoli scritti da Agnese

man-suitcase

Uomini che emigrano all’estero: stavolta parla lui.

Ebbene sì, mio marito è un nostro lettore, e sicuramente non è l’unico uomo che ci legge. Mi è venuto in mente di fargli questa intervista perché, in effetti, molte di noi hanno deciso di espatriare in coppia e, raccontandosi, capita spesso di citare i propri mariti. Ma loro, per l’appunto, che cosa ne pensano […]

Excursus temporale dell’espatrio

Tramite le testimonianze di alcune di noi, abbiamo voluto creare una sorta di “storia dell’espatrio”, che è anche un raffronto tra expat di diverse generazioni. Com’era espatriare 30 anni fa? E 20? E 10? Cosa è cambiato in questo periodo di tempo? Sicuramente la tecnologia, i mezzi di trasporto, le mete scelte ed i luoghi […]

bagno-nyc

Il mio bagno newyorchese

Sì. Il mio bagno newyorchese merita un post tutto suo. Noi donne, si sa, passiamo parecchio tempo in bagno, a volte perché trucco e parrucco -e tutto quello che c’è dietro- richiede tempo, a volte solo per estraniarci dagli altri coinquilini. Quando stavo cercando casa, la prima cosa che guardavo era proprio il bagno. Se […]

Condividi con chi vuoi