Agnese

Sono un gabbiano che non appartiene a nessun paese, nessuna spiaggia è la mia patria, non mi affeziono ad alcun luogo, volo di onda in onda.
Questa celeberrima frase di Elisabetta d’Austria è diventata la mia forza segreta da quando, due anni fa, ho lasciato Roma affrontando il mio primo trasloco, che nei due anni successivi ha raggiunto quota quattro. Ho vissuto in posti così diversi da Roma, come Oxford, Londra, San Francisco, e adesso New York. Ma quest’ultima ha qualcosa di speciale, qualcosa che mi ha rapito il cuore la prima volta che l’ho vista, nell’agosto del 2014. Ancora non sapevo che sarebbe stata la città nella quale avrei iniziato a ricostruire la mia vita, giorno dopo giorno, avendo come punto di riferimento nient’altro che me stessa.
Mi sono laureata in Italia in Editoria e Giornalismo, per un periodo ho lavorato come traduttrice a Roma, poi, dopo varie vicessitudini, ho deciso di imbarcarmi in questa impresa che è sopravvivere nella Grande Mela. Qui sto finalmente dedicandomi alla mia passione: la scrittura. New York è una musa speciale, se la guardi con occhi attenti anche il particolare apparentemente più insignificante può diventare un’ispirazione.
Vi invito, allora, ad esplorare New York attraverso i miei occhi, ovvero quelli di una giovane donna che giorno dopo giorno sta cercando di trovare il proprio equilibrio in una città che sfreccia veloce come la luce.

http://www.unaromanaanewyork.com/

Gli articoli scritti da Agnese

La sposa italiana

È ormai noto che senza un visto non è possibile entrare negli Stati Uniti; quello più comune, e anche il più semplice da ottenere, è l’ESTA, ovvero un permesso di soggiorno turistico che concede una permanenza di massimo 90 giorni. Tutti gli altri visti, che qui chiamano visas, vengono rilasciati a seconda dello scopo per […]

Condividi con chi vuoi