Sono Elena, ho 37 anni, sono nata e vissuta a Roma fino ai 18, mi sono poi trasferita a Napoli dove ho conosciuto e sposato l’amore della mia vita. Nel 2006 è arrivata a movimentarci l’esistenza Nina, una dolcissima e terribile cucciola di Cocker spaniel. Nel 2008 sono nati i nostri gemelli Leo e Lorenzo. Nel 2013 le cose a lavoro hanno iniziato a prendere pieghe tristi e frustranti per due come me e mio marito che avevano dedicato una vita, tante risorse e molti soldi alla propria istruzione. La città che ci aveva accolti e aveva fatto da cornice alla nostra crescita diventava ogni giorno più ostile, con i bambini la prospettiva si è definitivamente capovolta. Nessun adeguato spazio verde, molto inquinamento, troppo caos. Ci siamo guardati in faccia e, al netto degli affetti, non c’era davvero nessun motivo per restare.
Era arrivato il nostro time for changing
A Febbraio del 2014 siamo arrivati a Vancouver, British Columbia, costa ovest del Canada. Io, lui, Leo, Lori e ovviamente Nina. Pieni di speranze e consapevoli delle grandi difficoltà che attendevano una giovane famiglia emigrante. Da allora abbiamo fatto tanta strada, cambiato lavori, reinventato noi stessi, fatto gli equilibristi tra i nostri sentimenti, avuto paura di sbagliare, goduto di successi inimmaginabili in Italia. Oggi insegno all’ Università e lavoro per il Centro Culturale Italiano, mio marito ha trovato l’ambiente professionale stimolante che cercava, i miei bimbi hanno imparato velocemente l’inglese hanno fatto tante amicizie e chiamano questo posto “casa”. Sempre qui ad agosto del 2017 è nata Lavinia la nostra piccola canadesina. Non so se sia ancora presto per fare bilanci, ma il nostro presente ci sta già ripagando di molti sforzi. Eccomi qui per raccontarvi Vancouver.

Gli articoli scritti da Elena

Vancouver: cosa vedo dalla mia finestra…

thanksgiving-canda-expat

Thanksgiving, Canada: 1000 ragioni per dire “grazie”

Il 12 ottobre si festeggia in Canada il Thanksgiving. Una tradizione tutta nuova per me e nel cui spirito riesco ad entrare ancora poco seppure lo senta contagioso. Qui è un evento importante tanto quanto il Natale. Un rito, un momento di riflessione, di condivisione. E’ diversa dall’omonima festività americana che si festeggia a novembre. […]

Condividi con chi vuoi