Le caldane in estate non sono piacevoli

tatiana-oslo-caldane

Tutto è iniziato la scorsa estate.

La scorsa estate ho iniziato ad avere il sentore che stava succedendo qualcosa di strano nel mio corpo. Ho iniziato ad avere le caldane, proprio in piena estate, non è stato piacevole. Insieme alle vampate ho altre cose che non stanno andando bene.

Non sono mai stata magra o normolinea, neanche cinque minuti nella mia esistenza, ma adesso sono aumentata di peso e mi sono gonfiata in modo esagerato. Questa è diventata una situazione molto difficile, anche perché ho iniziato un nuovo capitolo della mia vita che mi impone di muovermi in un certo modo. Lavoro in una casa di riposo mentre studio, è previsto un notevole sforzo fisico. Se è accettato che io esca di corsa in terrazza a prendere un po’ di aria fresca, non è pensabile che io non abbia il fiato per salire le scale.

Insomma, mi ritrovo a pensare a cosa fare, e intanto ne parlo con le amiche per sentire un po’ di pareri. Mia madre non mi ha assolutamente mai spiegato  cosa comportasse la menopausa. So solo che anche a lei è arrivata tra capo e collo in relativa giovane età. Cerco di mantenere il mio livello di movimento non saltando le solite passeggiate, di piu’ non ho voglia di fare. Inoltre è arrivato il Covid-19 che mi ha anche fatto passare la fantasia di trovare una palestra per allenarmi.

Da parecchi anni mi sforzo di mangiare il piu’ sano possibile.

Uso poca carne rossa perchè dicono sia piena di tossine. Faccio quindi il pieno di legumi. Niente zucchero ovviamente, solo saccarina nel caffè. Niente pane bianco, solo integrale ecc… Mentre mi informo su parecchi fronti, mi si apre un mondo. Tutto quello che io pensavo fosse una sana e normale alimentazione può essere completamente sbagliata nel mio caso. Sono stata operata venti anni fa, mi hanno tolto la tiroide. Da allora prendo una medicina che lavora per lei. Sono sempre stata molto stabile con i valori del sangue, fino appunto all’arrivo della menopausa.

Scopro che la corretta somministrazione di alcuni alimenti fa sì che l’intestino non sia infiammato. Io ero rimasta a: non mangiare troppi dolci. Non usare troppo sale per evitare la ritenzione. Mangia poca pasta e pochi grassi. Tieni sotto controllo il colesterolo. Non è purtroppo tutto così semplice. Ci sono dei cibi che io credevo fossero sani e legittimi che invece non vanno affatto bene per chi ha problemi con la tiroide e intestino irritato. I legumi ad esempio, la soia, il pane integrale, i pomodori. Sto male solo a dirlo. Io amo il pane integrale norvegese. Più è nero e più mi piace.

Vedo che il cibo must di queste diete che puliscono l’intestino è l’avocado. Per fortuna l’avocado adesso mi piace. Non come il pesce che invece continua a non piacermi e che non riuscirò mai a mangiare.

avocado-per-combattere-caldane

Tutto questo pare sia  legato a doppio filo con il funzionamento della tiroide. Si parla di una dieta molto diversa da quella che stavo seguendo. Può essere che già solo questo mi aiuti.

Il problema delle caldane e del calo di estrogeni rimane, quindi sono stata a parlare con il medico di base.

Mi ha prescritto una terapia ormonale sostitutiva da provare per un periodo, almeno per vedere se le caldane migliorano. E anche quella sensazione di ansia perenne che mi assale di notte e fa sì che non riesca a dormire come dovrei. Ovviamente devo rimpinzarmi con l’Omega 3.medicinali-per-caldane

Negli ultimi anni la tendenza è stata quella di sostenere che le terapie ormonali fossero pericolose per il rischio di tumori, ma scopro che invece sono abbastanza personalizzabili. Bisogna capire a quale donna si può indicare un certo tipo di cura. Io intanto ci provo per qualche mese.

Non posso pensare di continuare così per anni. Questa infatti è l’unica cosa che ho sentito da più parti, questi malesseri possono durare fino a dieci anni.

Devo assolutamente farli sparire o almeno farli diminuire.

In questi momenti penso che sono fortunata a vivere in Norvegia, dove almeno l’estate e il caldo durano meno che in Italia.

2 commenti
  1. Solare
    Solare dice:

    Innanzitutto voglio dirti che apprezzo che tu abbia scritto di questo argomento che solo recentemente sta iniziando ad essere trattato dalle donne senza imbarazzi. Non posso consigliare niente che io abbia sperimentato personalmente perché ho ancora il ciclo sebbene negli ultimi anni sia diventato molto più pesante e a tratti invalidante. Mia madre che è andata in menopausa giovanissima ha fatto terapia sostitutiva per decenni e non ha avuto nessuna conseguenza. L’ha smessa negli ultimi anni e se invecchiassi come lei io sarei felicissima ma non so se sarò altrettanto fortunata! Vai tranquilla con la terapia e vedrai che andrà tutto meglio.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi