agnese

L’eleganza delle formule

”Non per un dio ma nemmeno per gioco”. Come recita la celebre canzone di De Andre’ ‘’ Un sogno, fu un sogno ma non duro’ poco, per questo giurai che avrei fatto il dottore e non per un dio ma nemmeno per gioco: perché i ciliegi tornassero in fiore.’’

emc2

Questa frase racchiude buona parte dei miei ultimi anni ed e’ il motivo per cui mi trovo ad essere un’emigrata.

A diciotto anni, quando ci si sente invincibili e con tutte le carte in regola per cambiare il mondo, e’ il momento anche di scegliere cosa fare del proprio futuro e nella lontana estate 2004 mi affacciavo decisa ma molto incosciente alla scelta dell’ università.

La scelta e’ caduta, in parte casualmente, su fisica. E senza che me ne rendessi bene conto mi sono lasciata coinvolgere e appassionare dall’eleganza di quelle formule e di quelle teorie più di quanto avessi mai immaginato.

Cosa fa un fisico non me lo sono mai chiesto, finché non mi sono laureata e ho dovuto fermarmi, per poco più di 10 minuti, a pensare a cosa fare. Ho scelto di continuare a studiare, ho pensato e deciso che avrei fatto di tutto affinché questo potesse diventare il mio lavoro.

E tutt’ora sto impegnandomi per rendere questo sogno possibile. Essere donne nel mondo della fisica teorica non e’ molto comune, non saprei con precisione dire la percentuale ma suppongo sia inferiore, se non molto inferiore, al 10%.

Non so perché questo mondo sia cosi’ maschile ma a volte credo di capirlo quando mi sento chiedere perché non abbia una famiglia, perché continuo a trasferirmi ogni paio di anni e quali siano le mie prospettive. A tutte queste domande non so rispondere, la migliore risposta che riesco a dare, anche a me stesse, e’:

‘’ Un sogno, fu un sogno ma non duro’ poco, per questo giurai che avrei fatto il dottore e non per un dio ma nemmeno per gioco: perche’ i ciliegi tornassero in fiore.’’

https://donnecheemigranoallestero.com/agnese-massachussets-usa/

cambridge

Cambridge, Harvard, Massachussets USA