Nomade in solitaria

Inevitabilmente negli ultimi due mesi questa domanda mi é stata posta numerose volte: “ma tu viaggi da sola?”, con l’indice puntato verso l’alto per segnalare il numero uno.

Chiunque me l’ha fatto notare, dall’autista indonesiano alla cuoca thailandese, meravigliati dal vedermi di fronte a loro, sorridente e abbronzata, con il mio zainetto da sette chilogrammi, ma inspiegabilmente da sola. Nel linguaggio moderno ci chiamano solo traveller, tanto per dare un’etichetta e con il fine ultimo di analizzare i nostri consumi.

Nomade con Madé Continua a leggere