+

Cina, nun fa la stupida stasera!

Cina, Cina che cosa ci combini?

Tutti noi che, per periodi brevi o lunghi, ti viviamo, assaporiamo, amiamo e odiamo contemporaneamente, aspettavamo  trepidanti l’arrivo del nuovo anno.

Eppure tu, che non ami le piccolezze, ci hai voluto stupire e, forse, hai esagerato.

L’anno del topo non è iniziato con i botti, nessuno ha avuto tempo di godere delle decorazioni, gioire dei mercati dei fiori, consegnare le buste rosse con i soldi: siamo stati relegati in casa e obbligati a portare le mascherine e a lavarci le mani continuamente.

Io lo so che emergerai più forte di prima, lo so che il Paese del Dragone non si farà schiacciare da questo virus che sta facendo diventare nevrotici tutti.

Tu, grande e complesso Paese, adesso sei additato da tutti, la gente legge e guarda le notizie, molte sono false, molte sono esagerate.

Le persone hanno paura ma, soprattutto, sono cattive.

La gente si stupisce del perché non ci siano persone per le strade, non lo sa che durante le festività le città sono sempre vuote?

Invece di essere solidali con persone che soffrono si leggono messaggi di puro odio, di eventi di razzismo e tante baggianate!

Tu, Cina, non ti preoccupare.

Noi,  che abbiamo deciso di riempire le nostre vene di te, di scoprirti sempre di più, ti difendiamo a spada tratta.

Non ci crederai ma, ultimamente, sono spuntati un numero infinito di  dottori e di sinologi.

Tutti sanno tutto. Che buffo il mondo! Non si ascoltano i medici che parlano di contagio per vie aeree, si legge il giornaletto da quattro soldi che suggerisce di non mangiare i cibi cinesi.

Non ha senso leggere sul sito mondiale della sanità, in cui c’è scritto che avviene il contagio solo per vie dirette, è meglio pensare che sia un problema del DNA e che è meglio emarginare tutti, senza distinzione.

Ti chiedo scusa, a nome mio e a nome di persone che hanno un cervello e non si schiereranno dalla parte dell’ignoranza.

Il vero problema è che mancano pezzi, c’è troppo mistero in merito a questa disgrazia e la gente ha paura.

A tutti fa paura la morte, e quando c’è ansia non si sa contare fino a dieci prima di parlare.

Serviranno mesi, forse anni, per capire la vera vicenda… Ma a te servirà un po’ per ripristinare il tuo ordine.

Grazie per l’ospedale e per i numerosi controlli che fai in città.

Ringrazio i dottori nel mondo che stanno aiutando tutti!

Un saluto dalla mia camera dello Spallanzani, faccio dei controlli e poi mi rintano per la quarantena,

a presto

E.C.

加油!朋友加油!forza! forza amici!

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi