Dopo tanti anni nel Regno Unito, credo sia doveroso e giusto elargire qualche consiglio a quante stanno coltivando il sogno di espatriare, magari proprio qui, nella contraddittoria e sempre avanti Gran Bretagna.

london

Dunque, avendo trascorso 12 anni a Londra, inizierei dicendovi che se state cercando una vita adrenalinica e in continuo movimento, questa è una di quelle città che sicuramente non deluderebbe le vostre aspettative.

Sempre viva, sempre accesa, milioni di persone si mescolano ogni giorno 24 ore su 24.

Ricordo che anche quando non volevo o non ne ero alla ricerca, incontravo persone nuove, interagivo con mondi e culture diverse, ed era sempre tutto entusiasmante.

Ogni mese cambiava la struttura delle strade principali, i negozi aprivano e poi scomparivano, così come gli amci e gli amori, tutto fugace ma intenso.

A Londra, se siete alla ricerca dell’amore, e siete seriamente intenzionati a trovarlo, lo troverete, per gli stessi motivi che ho elencato sopra: tra quei milioni di persone, potreste incrociare la vostra anima gemella nella tube verso Bond street, tra le luci di Piccadilly o tra le romantiche e malinconiche strade di Notting Hill Gate.

Londra è per voi se volete affermarvi, prendervi quelle rivincite che state cercando: basta impegnarsi, investire in studio e in denaro, e potrete diventare quello che avete sempre voluto!

Insomma, il paese dei balocchi. Peccato, però, che non sia sempre proprio così…

Londra è anche la città degli affitti impossibili, 1300 pound per una casupola con una specie di camera da letto e una cucina che ci si entra solo se si fa il digiuno per 6 mesi, in zona 4, nella difficile area di Wembley, per darvi un idea.

Londra è la citta’ dove per andare dal centro a una zona piu’ limitrofa si spendono 10 pounds..dove gli aereoporti, che sono cinque, sono tutti o quasi inraggiungibili e, quindi, se il volo dura 1 ora e mezzo, il commuting aereoporto-città  durerà 3 ore, se siete fortunati.

Luogo degli sciacalli sentimentali. Tutto lì ha un prezzo, anche i sentimenti. Eh si, c’è chi è pronto ad approffitare dell’ ingenuità e sprovvedutezza emozionale degli altri.

Quindi, se Londra era una vostra possibile scelta, tenete conto di quello che vi dico, non per altro ho chiamato Londra casa per tanto, troppo tempo.

Se, invece, tra le vostre possibili mete c’è la Scozia, magari Edimburgo, posso aiutarvi anche in questo caso, dato che ci vivo da ormai 2 anni.

edimburgo

Dunque,  Edimburgo non ha le luci e i colori di Londra, non ha i milioni di persone che si incontrano e si mescolano ogni giorno, non ha le miriadi di possibilità lavorative londinesi ma, in compenso, ha degli scenari da urlo, la montagna che si affaccia sul centro cittadino come fosse scolpita lì apposta, il profumo del mare che ci ricorda che la natura ancora esiste. E poi c’e’ il fringe festival che ti intrattiene per un mese intero, e lo fa anche gratis se ti limiti a passeggiare per le strade del Royal Mile, ogni giorno.

Se avete un badget più stretto, sicuramente Edimburgo fa più al caso vostro, un’ appartamento con una camera da letto, cucina e bagno, magari non centralissima, la potete pagare 500 pounds e poi, considerando che qui le distanze non sono così grandi, tutto è raggiungibile facilemente.

L’aereoporto non è inraggiungibile, come lo Stansted o il Gatwick di Londra, ci si arriva con il bus in 30 minuti, o in tram con meno tempo.

I prezzi dei trasporti sono decisamenti inferiori, con 4 pounds avete accesso a qualsiasi bus per tutto il giorno.

Insomma…Edimburgo è decisamente più vivibile e umana!

Anche qui il lavoro c’è, basta capire veramente cosa e chi si vuole essere, e ce la si fa.

E poi vorrei rincuorare quante di voi pensano che sentirebbero la mancanza dell’ Italia e degli italiani: tranquille, gli italiani a Edimburgo sono tantissimi!

Di seconda generazione, ma anche nuovi expats, e ovviamente potete immaginare quanto questa mi dia gioa.

La chiacchera con la vicina, con la mamma dell’amichetto, o con la barista, fanno sempre bene al cuore, e ci fanno sentire meno diverse da tutte le altre donne che vivono in patria.

Un “in bocca al lupo” a tutte quante stanno pensando di trasferirsi o hanno gia comprato il biglietto aereo! E per qualsiasi cosa…io sono qui!

2 commenti
  1. Giovanni
    Giovanni dice:

    Ciao Marianna. Grazie per il tuo racconto. Vorrei chiederti un approfondimento, un’ulteriore spiegazione. In che senso, secondo te, Londra è il luogo degli sciacalli sentimentali dove c’è chi è pronto ad approfittare dell’igenuità emozionale degli altri. Grazie. Giovanni

    Rispondi
    • Marianna Mery
      Marianna Mery dice:

      Ciao Giovanni!
      Londra ormai e’ una megalopoli, gente che si moltiplica ogni giorno, e se da un lato e’ sicuramente una ricchezza, anzi senza dubbio lo e’, dall’altro porta a far si che si incontrino persone con realta’ e visioni della vita e dei valori diversi. Ho conosciuto durante il mio percorso di vita a Londra, tantissime ragazze e anche ragazzi che si innamoravano di persone che usavano i sentimenti come mercie di scambio. “Stiamo insieme? sei europeo? ne posso cavare un permesso di soggiorno..”, oppure Londra e’ cara, carissima, per viverci meglio conviene dividere l’affitto e le spese, e allora perche’ no convivere, non necessariamente per amore, ma magari per convenienza?”questo era quello che intendevo, spero ora l’idea ti sia chiara, e se posso esserti d’aiuto sono qui!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi