Questo brano è la rielaborazione pianistica del celebre quartetto “Bella figlia dell’amore“, riconosciuto subito anche dai detrattori di Verdi come un capolavoro assoluto.

Siamo nell’Osteria di Sparafucile, dove il Duca di Mantova tenta (con successo) di sedurre la facile Maddalena, donnina allegra e un po’ volgare; di nascosto Gilda, innocente fanciulla da lui sedotta e ingannata, osserva addolorata la scena, redarguita dal padre Rigoletto, umiliato e furioso con il Duca per l’affronto fatto alla figlia e a lui stesso. I quattro personaggi cantano dentro alla tessitura pianistica mantenendo ognuno il suo carattere e dando vita a un meraviglioso quadro sonoro. Sopra questo canto a più voci, Liszt inserisce virtuosismi e passaggi di bravura che completano la scrittura, ma senza appesantirla.
Questa registrazione, dal vivo, è stata fatta a Jinan, alla Shandong Grand Theatre, uno dei più bei teatri in cui ho suonato nella mia ultima tournée in Cina, e uno dei più importanti del Paese.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi