LA FERIA DI MALAGA

la grande festa dell’estate

ballerina di flamenco

In Spagna fare fiesta è uno sport nazionale, questo è risaputo a tutti.

Ma se vi dicessi che c’è una festa per eccellenza, dove la cultura ispanica, ed in particolare andalusa, diventa palpabile?

Stiamo parlando della festa regina, la festa salva tutti, la madre di tutte le feste (semicit.): la feria de Malaga.

Cos’è la feria di Malaga

In Andalusia, ogni provincia ha circa una settimana di celebrazioni che somigliano vagamente alle nostre feste patronali, solo che estese su più giorni e con pizzisco di follia in più.

Le persone si travestono con i tipici vestiti andalusi, pronti a ballare flamenco per le strade della città.

feria-de-malaga

La feria di Malaga, in particolare, si celebra nel periodo di ferragosto (quest’anno dal 15 al 24) e si divide in due parti: feria de día e feria de noche.

Differenze tra feria de día e noche

La feria de día si svolge nel cuore del centro storico malagueño. Comincia intorno alle 9 del mattino e dura fino alle 18.

Per le strade suona musica gitana e chiunque può buttarsi in “pista” e ballare. Ci sono anche alcuni gazebi dove viene riprodotta musica più o meno commerciale spagnola, il cui accesso è quasi sempre libero.

Per le vie del centro può succedere di tutto, come una banda musicale che comincia a suonare da un balcone, mentre le persone in strada ballano, o ritrovarsi nel pieno di un ballo di gruppo e dover per forza unirsi agli altri.

I bar sono aperti ed è permesso bere per strada (normalmente non solo è vietato, ma le multe sono anche salate). In più molti negozi dove poter comprare ventagli colorati, vestiti tipici, rose da mettere nei capelli, sono aperti.

feria-di-malaga

La cosa più tipica che vedrete sono degli uomini vestiti con gli abiti tradizionali andalusi che vendono un fiore chiamato biznaga, il fiore di Malaga.

Il biznaguero, o venditore di biznaga, è un elemento talmente tradizionale da avere una statua dedicata a lui in città. La biznaga in realtà è un fiore artificiale, formato da tanti piccoli fiori, i jazmines, che vengono collezionati e infilati uno ad uno nello stelo di una pianta chiamato nerdo.

A parte i tecnicismi, la biznaga è un fiore profumatissimo ed è uno dei simboli della città. A me è piaciuta tanto che l’ho persino tatuata!

biznaga-feria-de-malaga

Capirete dall’entusiasmo con cui vi parlo della feria de día che la preferisco. Il centro di Malaga è davvero avvolto da una magia speciale!

La feria di noche si sposta fuori dal centro, in una zona a parte dedicata solo a quest’evento dell’anno. È uno spazio aperto dove da un lato viene montato un piccolo parco divertimenti, più orientato alle famiglie, mentre dall’altro delle piccole “casette”, che sono dei gazebi adibiti a discoteca. Ce ne sono tantissimi e quasi tutti sponsorizzati da locali del centro di Malaga, che nel frattempo sono chiusi.

Non è possibile bere per strada, ma c’è un recinto a parte dove chiunque può fare un botellón, cioè bere alcol anche portato da casa. L’ambiente del botellón è molto divertente, ci sono persone di tutte le età e tutto il mondo con cui poter chiacchierare.

Le casette, come dicevo, sono delle vere e proprie discoteche e per questo non mi hanno affascinata. La musica è principalmente latina commerciale, manca l’essenza del flamenco e musica tradizionale delle vie del centro.

Un evento carino della feria de noche, però, è l’accenzione delle luci del recinto feriale la prima sera. È il momento più massificato di tutta la feria ma vale la pena andarci!

feria-de-noche-malaga

Infine, durante la feria sia de día che de noche, dovete provare il vino tipico della feria, il Cartojal, un vino bianco dolce davvero squisito. Anche se la cosa più probabile che vi accadrà sarà che qualche malagueño vi offri un bicchere dalla propria bottiglia: la loro ospitalità, specialmente durante la feria, è ineguagliabile!

Buona feria a tutti

3 commenti
  1. Alessandra-Cina
    Alessandra-Cina dice:

    Deve essere proprio una bella festa, con il caldo, le persone in strada… Chissà, magari l’anno prossimo ci faccio un salto!

    Rispondi
  2. Rossella Squillace
    Rossella Squillace dice:

    Io per ora ho festeggiato feria granadina e sevillana. La malagueña mi manca ma è nella lista 😊 Chissà l’anno prossimo se riuscirò a farci un salto

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi