L’asilo nido in Germania: tutto ciò che devi sapere

bambino asilo nido in germania mentre colora

17.08.2020. Per mio figlio Jannis è un gran giorno. Un anno dopo la sua nascita e dopo aver trascorso diversi mesi senza avere grossi contatti con i coetanei a causa del lockdown, finalmente Jannis inizia l’asilo nido.

Era un anno che mio marito ne parlava e io avevo le mie riserve. Anche su questo si vedeva la nostra differente mentalità: come dicevo nell’articolo Crescere un figlio in Germania da 0 a 9 mesi, nella ex Germania est era normale che la donna tornasse a lavorare al più presto, mentre in occidente ciò era molto più raro. Mio marito era quindi abituato all’idea che nostro figlio frequentasse l’asilo nido. Io invece ero personalmente un po’ titubante…

Ma come… così piccolo già all’asilo? Il bambino ha bisogno della mamma!, pensavo tra me e me. Poi però ho cambiato idea, vedendo che qui in Germania l’asilo nido è una pratica comune. E siccome i parchi gioco sono frequentati da bambini dai 2 anni in su, se non porti tuo figlio all’asilo nido è difficile fargli avere contatti con bambini della sua età.

Con questo articolo ho quindi deciso di aiutare tutte quelle mamme che vorrebbero tornare a lavorare, ma hanno anche loro delle riserve a lasciare il proprio figlio all’asilo nido. Descriveremo quindi i motivi per cui, secondo me, è un bene iscrivere il proprio figlio all’asilo nido, che differenza c’è tra l’asilo nido “normale” e la Tagesmutter, e come iscrivere tuo figlio. Vedremo poi anche quali sono i costi dell’asilo nido in Germania, come si sono organizzati per via dell’attuale situazione e come avviene l’inserimento all’asilo nido.

Sei pronto? Si parte!

Perché iscrivere tuo figlio all’asilo nido in Germania?

I motivi per cui iscrivere tuo figlio all’asilo nido in Germania sono tanti e possono essere diversi per ciascuno. Qui di seguito quindi elencherò i motivi che hanno spinto me a iscrivere mio figlio all’asilo nido.

  1. All’asilo nido, tuo figlio impara a socializzare: siccome (come dicevamo più sopra) il parco giochi è frequentato soprattutto da bambini sopra i 2 anni, l’asilo nido è un buon modo per far sì che tuo figlio (al di sotto di quell’età) abbia contatti con coetanei;
  2. Esistono asili nido adatti ai metodi educativi di tutti i genitori: che tu voglia educare tuo figlio con il metodo Montessori oppure dargli un’educazione religiosa o a contatto con la natura, in Germania troverai l’asilo nido che fa per te;
  3. Se siete una coppia italiana e parlate nel 90% della giornata solo italiano, mandare vostro figlio all’asilo nido in Germania gli permetterà di imparare più facilmente il tedesco. E quindi favorirete il suo bilinguismo (hai delle domande sul bilinguismo? Allora ti consiglio di leggere l’articolo FAQ bilinguismo qui su questo blog).
  4. Tuo figlio imparerà la tolleranza verso altre culture. Non ha nessuna importanza che voi abitiate in un quartiere pieno di stranieri o meno. Io stessa abito in un quartiere residenziale in cui la maggior parte della popolazione è tedesca. Ma mandare tuo figlio al nido in Germania lo aiuterà a conoscere altre culture e quindi a tollerare usi e costumi diversi da quelli che conosce in famiglia. Perché? Perché gli stranieri non svolgono solo lavori mal pagati, come parrucchieri, ristoratori, ecc. E quindi è possibile trovare figli di immigrati anche in quartieri abitati prevalentemente da autoctoni.

Asilo nido vs Tagesmutter

Dopo aver descritto i motivi secondo cui, a mio parere, vale la pena iscrivere il proprio figlio all’asilo nido in Germania, entriamo più nel dettaglio e spieghiamo la differenza tra l’asilo nido vero e proprio (Kindertagesstätte o Kita) e la Tagesmutter.

Devi infatti sapere che, siccome in Germania (e specialmente all’ovest) la disponibilità di asili nido è limitata rispetto alla domanda, è prassi comune mandare i propri figli da una Tagesmutter.

Quest’ultima è una mamma che ha studiato scienze della formazione e ha ottenuto il permesso dallo Jugendamt (il tribunale dei minori tedesco) a tenere fino ad un massimo di 5-6 bambini di età tra i 6 mesi e i 3 anni mentre i genitori sono al lavoro.

Rispetto ad un asilo nido vero e proprio, quindi, presso una Tagesmutter l’ambiente è più familiare. Moltissime Tagesmutter operano infatti in casa propria e preparano da mangiare per i bambini loro stesse. In alcuni casi, la Tagesmutter può occuparsi anche di tuo figlio a casa vostra, come una baby sitter.

All’asilo nido, invece, ci sono più maestre e quindi anche più bambini. E qui sta la grossa differenza tra la Tagesmutter e il Kita perché spesso la Tagesmutter opera da sola. Pertanto la situazione potrebbe diventare critica se la Tagesmutter di tuo figlio dovesse ammalarsi e voi non avete un piano B per gestire vostro figlio.

Come iscrivere tuo figlio all’asilo nido in Germania

A questo punto forse ti starai chiedendo: Chiara, ma come faccio a iscrivere mio figlio all’asilo nido in Germania?

La risposta a questa domanda è: dipende dalla tua città. Ogni città (anche se molto vicine tra loro) ha le proprie regole. E quindi ciò che può valere per una città può non essere valido per un’altra città.

Ti consiglio quindi di informarti sul sito della tua città per sapere la procedura valida per il tuo caso.

Qui di seguito posso però descriverti l’itinere valido per la città di Bonn.

  1. Vai al seguente link;
  2. Inserisci a partire da quando vuoi mandare tuo figlio;
  3. Inserisci la data di nascita di tuo figlio;
  4. Inserisci il tuo CAP (PLZ) oppure il tuo indirizzo.

Cliccando su “Invia”, ti escono fuori tutti gli asili nido che si trovano nella tua zona e che sono predisposti per accogliere tuo figlio.

Entro fine ottobre devi scegliere al massimo 7 asili nido e fare la richiesta tramite il sito di KitaNet ed entro fine marzo otterrai una risposta, sia positiva sia negativa.

Oltre a fare richiesta per l’asilo nido, ti consiglio però anche vivamente di informarti per una Tagesmutter. In questo caso, occorre guardare su siti come quello dell’Interessengemeinschaft Bonner Tageseltern o del Netzwerk Kindertagespflege e contattare direttamente le Tagesmutter.

I costi dell’asilo nido in Germania

Veniamo quindi ai costi dell’asilo nido in Germania.

Le maestre dell’asilo vengono pagate dalla città in cui risiedi. Per il pagamento quindi, fate richiesta insieme alle maestre di vostro figlio alla città, affinché finanzi il posto di vostro figlio. Poi, voi pagate alla città una retta che varia in base al vostro reddito, al numero di ore durante le quali vostro figlio deve essere accudito e all’età di vostro figlio.

A ciò si aggiungono poi i costi per i pasti, che devono essere pagati direttamente all’asilo, spesso anche se vostro figlio è assente o l’asilo è chiuso per ferie.

I costi sono però abbastanza contenuti: per chi ha un figlio di circa 1 anno e un reddito di circa 60000 EUR annui, il costo per 30 ore di asilo è di circa 300 EUR al mese. A ciò si aggiungono poi circa 70 EUR al mese per i pasti. Totale: circa 370 EUR, in gran parte finanziabili con i Kindergeld, un sostegno alle famiglie che hanno figli di al massimo 18 anni (o 25, se questi stanno facendo un’Ausbildung o sono all’università).

L’asilo nido in Germania ai tempi del Coronavirus*

E con il Coronavirus cosa è cambiato negli asili nido in Germania?, ti chiederai.

Durante il lockdown, gli asili nido erano chiusi e potevano frequentare soltanto i figli degli infermieri, dei medici, dei poliziotti e di tutti coloro che svolgevano un lavoro di rilevanza sistemica. Ovvero: se per lo Stato era assolutamente necessario che tu andassi a lavorare, lo Stato ti concedeva l’opportunità di continuare a portare tuo figlio all’asilo (nido) o a scuola.

Con il miglioramento della situazione, le regole sono state poi allentate e quindi gli asili nido (come anche le altre scuole) sono stati riaperti per tutti. Tuttavia, ci sono ancora delle limitazioni. Anche se – per non spaventare i bambini – non devi indossare la mascherina, devi comunque:

  1. firmare un foglio dove dichiari che sia tu, sia il tuo compagno, sia vostro figlio stiate bene e non abbiate avuto contatti (se non per ragioni di lavoro) con persone affette da Covid-19;
  2. mantenere la distanza di sicurezza dalle insegnanti.

Inoltre, le entrate e le uscite dei bambini sono scaglionate di 10 minuti. In tal modo, i genitori non si incontrano e quindi non hanno la possibilità di contagiarsi a vicenda.

Come avviene l’inserimento all’asilo nido in Germania

Passiamo infine a spiegare come avviene l’inserimento all’asilo nido in Germania.

Durante l’inserimento le maestre richiedono ad uno dei genitori di accompagnare sempre il figlio all’asilo. Nei primi tre giorni, tu starai tutto il tempo (circa un’ora e mezza) insieme a tuo figlio. Lascerai quindi che tuo figlio scopra l’ambiente che lo circonda e venga da te soltanto quando vuole lui.

Dopo questi primi 3 giorni, inizierai a lasciare gradualmente tuo figlio da solo. Per i primissimi tempi sarà circa mezz’ora. Poi passerete a un’ora intera, un’ora e mezza, mezza giornata e alla fine tutto il giorno.

Il tutto segue i bisogni di tuo figlio. Quindi sarà lui a farvi capire quando sarà arrivata l’ora di lasciarlo di più all’asilo. E siccome l’inserimento all’asilo è “guidato” da tuo figlio, non è possibile sapere quanto duri. Nel mio caso è durato circa 3 settimane. Ma ho sentito di mamme che a cinque settimane dall’inizio erano ancora nel pieno dell’inserimento all’asilo.

Per questo, il mio consiglio è quello di non metterti fretta (e di non mettere fretta a tuo figlio) e di non sentirti in colpa se, quando lo lasci all’asilo, tuo figlio inizia a piangere. Piangerà, questo è sicuro ed è anche normale. Ma sentirsi in colpa non lo aiuta a vivere con serenità la nuova situazione. E quindi, per quanto possibile ti consiglio di non farti sopraffare dalla tua emotività.

Conclusioni

Nel presente articolo ho qui raccolto tutte le informazioni che, a mio parere, è necessario avere se hai intenzione di inserire tuo figlio all’asilo nido in Germania.

Hai ancora domande in merito o vuoi raccontare la tua esperienza? Allora non esitare a commentare questo post!

A presto

Chiara

* Il seguente articolo è stato scritto nel mese di settembre, quando i casi erano ancora relativamente pochi. Al 9 ottobre 2020 in Germania ci sono oltre 4000 casi (le domeniche e i lunedì non sono indicativi, perché alcuni Bundesländer non pubblicano dati nei weekend) e Bonn è considerata zona arancione.

Ciò significa che non è consentito fare feste private con più di 50 persone. Anche per quanto riguarda l’asilo nido, nella scuola dove va mio figlio Jannis sono state introdotte delle restrizioni. E quindi, a partire da lunedì 12.10.2020 bisognerà:

  1. Lasciare il proprio figlio alla porta (le maestre verranno lì a prenderlo in carico) e – se devi proprio entrare – indossare la mascherina;
  2. Portare il figlio a scuola entro orari ben definiti con le maestre (e avvisare se per qualche motivo non riesci ad arrivare entro l’ora massima stabilita);
  3. Vestire i figli in modo tale che la possibilità di sporcarsi sia minima, cioè con body o canottiera e mutandine e pannolini classici d’obbligo.

Dal 17.10.2020 h. 12 Bonn è ufficialmente zona rossa. Quindi in alcune zone della città (il centro e le zone più affollate) bisogna indossare la mascherina anche all’aperto.

Nei prossimi mesi è certamente possibile che le cose cambino. Siccome però gli articoli su questo blog non vengono aggiornati regolarmente, chiedo gentilmente ai lettori di tenere bene in conto la data di pubblicazione di questo articolo se lo leggeranno in futuro.

4 commenti
  1. Chiara - Parigi
    Chiara - Parigi dice:

    Ciao Chiara,

    molto interessante il tuo articolo. Molto ben scritto e dettagliato. Credo sarà molto inutile a neomamme e future mamme in Germania. Immagino che nella situazione attuale non sia facile gestire un piccolino al nido, quindi molto utile anche il tuo riferimento in merito alla questione sanitaria. Scrivi davvero bene, sempre molto precisa ! Complimenti !

    Rispondi
  2. Chiara Scanavino
    Chiara Scanavino dice:

    Ciao, Chiara!
    Grazie mille del tuo commento!
    Sono contenta che ti sia piaciuto il mio post.
    In una situazione del genere un figlio di 15 mesi non è facile da gestire. Ma potrebbe andare molto peggio…
    Da lunedì qui ci sarà il mini-lockdown. Per fortuna mio figlio potrà continuare ad andare all’asilo. Altrimenti lavorare e gestire Jannis sarebbe stata una mission impossible…

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi