Tempo fa avevo scritto una lettera a mia figlia immaginando che fosse ancora una bambina, una lettera che avrebbe trovato e letto anni dopo. Da qualche mese lei non abita più con noi e rileggere quelle righe per quella  bambina ormai grande, è stato come dare il via nel mio cuore ad un incredibile esplosione di emozioni. Fuochi d’artificio sparati nel cielo terso di una serata  piena di stelle.

Passa il tempo e mi conforta scoprire quanta forza dimostri lei, a soli  16 anni, quando riparte con il passaporto in mano e un bagaglio pieno zeppo d’amore, la scorta per le giornate più dure. Finite le vacanze che la ricongiungono a noi, finite le lacrime che in aeroporto fanno annaspare i nostri cuori, mi riempie di orgoglio vedere la meravigliosa donna che sta diventando. Lei che affronta le sfide senza aver paura di confessarne le difficoltà ma senza per questo tirarsi indietro.
Cosi, io vado avanti giorno dopo  giorno, con un carico maggiore sulle spalle di forza ed energie positive da condividere con lei.

Per sostenerla tutte le volte che la nostalgia bussa alla porta della sua stanza e i suoi passi si fanno incerti.

Vivo a tanti chilometri di distanza… ma in realtà solo a un passo da lei.

12/ 02/2005

Piccolo tesoro mio,

ti guardo mentre dormi serena nel tuo lettino e spariscono improvvisamente, come per magia, tutte le fatiche di questa lunga giornata che sembrava non terminare mai.
Durante le ore che passo a lavoro, ti penso sempre, sai.
Ti immagino con quei tuoi occhi svegli a fantasticare con la magia dei tuoi pensieri. Tu che sei piena di quella gioia di vivere e di quella dolcezza che ti fa ridere davanti alle mie facce buffe e che mi fa sentire la donna più amata del mondo, nonostante le occhiaie cerchino il mio viso. Tu che rendi ogni momento insieme così speciale.
Mi sento a volte in colpa per non essere sempre al tuo fianco .
Per essere ritornata a lavoro quando avevi ancora pochi mesi, assecondando la mia voglia di conciliare l’essere madre con la carriera professionale.Vorrei riuscire a dare sempre qualità al nostro rapporto e spero che sarà questo a fare sempre la differenza tra di noi.
Torno spesso a casa stanca.
Ridotta come uno straccio vecchio.

Ma la tua energia, i tuoi occhi vispi, i tuoi meravigliosi sorrisi, i tuoi passi ancora incerti mentre felice mi corri incontro, hanno il potere di far sparire ogni segno di quella fatica e di regalare al resto della mia giornata momenti carichi di allegria e di amore infinito.

E poi ci sono istanti come questo nel silenzio della tua camera, mentre dormi beata che io ti guardo incantata.
Osservo il tuo viso, il tuo neo sulla manina paffuta, quella tua bocca carnosa e le tue lunghe ciglia, dormi serena sognando chissà cosa. Guardo ogni tuo tratto, che ormai conosco a memoria e capisco quanto sia stata fortunata la mia vita, per avere avuto tutto quello che potessi desiderare, per avere avuto te, sana e meravigliosamente perfetta.

Imparo a conoscerti giorno dopo giorno, scopro ogni sfumatura del tuo carattere, pur essendo ancora così piccola sei già incredibilmente determinata e volitiva. Quando mi urli i tuoi ”no” con gli occhi pieni di lacrime, segno di una personalità dirompente, mi impensierisco un po’. Credo infatti che ci sarà da battagliare con te negli anni che verranno. Di questo sono consapevole e spero di essere pronta per allora.
Sarà per i tuoi ideali che lotterai, per tutto ciò in cui credi o semplicemente per tutte quelle piccole conquiste che ti faranno crescere giorno dopo giorno.
Ci immagino tra quindici  anni, quando la tua voglia di imporre le tue idee e di contrastarmi sarà fortissima.
So che avrai solo voglia di contraddirmi e di non accettare le mie parole come consigli bensì come imposizioni, come fai già adesso del resto, ma con più fervore e sicurezza.
La rabbia è più facile urlarla addosso a chi ci vuole bene e a quelle poche persone che, si sa, ci amerebbero comunque. Perché é così che sarà, io ti amerò comunque e spero di riuscire ad essere matura abbastanza da dimostrartelo, senza usare troppe parole, perché a volte e lo imparerai, può bastare un semplice sguardo.

Te lo scrivo adesso, così quando mi leggerai  tra qualche anno, potrai semplicemente prendere il mio amore e metterlo in un angolo del tuo cuore e darlo per scontato.  Io ti amerò a prescindere da tutto quello che sarai, diventerai, dirai, perché non potrei più farne a meno.


Quello che vorrei è riuscire a non sorprendermi troppo davanti ai tuoi errori. Tutte le volte che ancora bambina mi farai arrabbiare, vorrei poter controllare le mie emozioni e riuscire semplicemente ad abbracciarti. Quando da più grande, ti tapperai le orecchie per non sentire il suono della mia voce, risultando insopportabile ai

miei occhi feriti , vorrei di nuovo riuscire ad abbracciarti ma  ancora più forte.
Riempirti di quegli abbracci terapeutici che calmano gli animi e mettono a posto ogni cosa e che a noi piacciono tanto. 
Quando inizierai a battere i piedi, a sfidarmi, a farti male,  per assecondare quel bisogno naturale di dimostrare che da sola ce la potrai fare, o ancora, quando andrai via da me in cerca della tua strada, per vivere la tua vita, sentendoti libera di fare qualsiasi scelta con coraggio e determinazione, io resterò sempre un passo indietro, sarò sempre lì a portata di abbraccio.. ma solo se lo vorrai.
Magari sarai tu, un giorno, a dover perdonare questa mamma imperfetta che a volte vorrà impedirti di cadere perché vorrebbe farsi carico di ogni tuo dolore e di tutte quelle sofferenze che invece forgeranno il tuo carattere. Una mamma che lascerà spiccare il volo a te, che ali non hai, a te che sei il regalo più bello che la vita le abbia mai fatto.
E sarà felice quando  tra un po’ di anni, troverai la persona giusta che saprà rispettarti e amarti, ti addormenterai con le mani strette  alle sue,  tu che sarai ormai una donna, ti sentirai felice, serena, protetta.
Come quando, da bambina,..eri con lei.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi