I miei luoghi confortanti non sono luoghisoggiorno

Siamo espatriate. Siamo viaggiatrici per mille ragioni.

A volte lo scegliamo, altre ci muoviamo per necessità.

La pandemia ha cambiato lo stile di vita di tutti e soprattutto il nostro, noi che a dormire su un aereo ci trovavamo più spesso che sul proprio letto.

Pianificare viaggi è impossibile ormai, e ancora più frustrante è non sapere quando potremo ricominciare a farlo. Come molti mi sono trovata a passare molto più tempo a casa del previsto e il tempo libero che passi nella stessa stanza dove mangi, lavori e fai sport, a volte non suona nemmeno come “tempo libero”.

Ho deciso che di questa stanza avrei dovuto farne il mio tesoro: tutto succede tra queste quattro mura.

Ho sempre avuto una vita riempita di cose fino a marzo 2020. Adesso, ho una casa riempita di cose, decisamente contro lo stile minimalista, ma è così quando in 40 metri quadri devi farci entrare tutto quello che prima era fuori di qui.

Poche, pochissime cose mi rassicurano tanto quanto avere una biblioteca piena di libri.

leggere libri Mi ci vorrebbero 10 anni per leggerli tutti. In media ogni settimana ho comprato 5 libri ultimamente, spesso di seconda mano, perchè è bellissimo fare rivivere un romanzo negli occhi di qualcun altro. Pur sapendo che non ho il tempo da dedicare a tutti, mi conforta enormemente sapere di averli. E questa non è una novità. Quando partii per l’Africa il primo ‘box’ che sigillai fu appunto quello dei libri, che poi tornarono indietro con me dopo qualche anno, alcuni persino ancora da leggere. Ma ne valse la pena: i libri sono miei, li ho scelti accuratamente, ore e ore in negozio, ne ho letto recensioni ufficiali, opinioni di giornalisti illustri e di amici che li hanno letti prima di me, insomma il loro valore, che siano libri da 5 o da 50 euro, che siano thriller o biografie, ai miei occhi è inestimabile.

Quando viaggi per lunghi periodi ci vuole tempo prima che il nuovo luogo, la nuova casa e le nuove strade diventino confortanti. I libri che hai scelto invece ti abbracciano e consolano sempre, diventano parte di te. Come la coperta di Linus.

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi