Il Papa negli Emirati Arabi Uniti

papa-dubai

Con la speranza nel cuore e le lacrime agli occhi, scrivo questo pensiero dopo aver ascoltato il nostro Papa e il Grande Imam parlare di fratellanza, giustizia, libertà e pace.

Quattro principali temi che dovrebbero unire tutta l’umanità, a prescindere da dove nasciamo, dove viviamo e cosa facciamo o crediamo.

La fratellanza umana non può prescindere dalla tolleranza ed educazione al dialogo. Siamo tutti uguali alla fine (ed anche all’inizio).

Non è giusto che l’Islam ed i musulmani siano perseguitati e discriminati perché credono in Allah, come non è giusto puntare il dito contro i cristiani perché professano la parola del Signore.

Dio ci ha creato diversi ma uguali in modo meticoloso e bello, dobbiamo solo rispettarci a vicenda e smettere di essere avidi, portare rancore e pensare solo a noi stessi.

La visita del grande Papa ha un significato importantissimo: siamo tutti fratelli ed amici, lui lo ha appena dimostrato, abbracciando gli sceicchi e gli Imam nonché gli altri rappresentanti religiosi giunti ad Abu Dhabi il 3 febbraio 2019.

Abbracciare ha un valore assoluto: porta il bene dentro l’animo umano! 

Questa visita storica che rimarrà nella memoria di tanti, dimostra come la violenza non potrà mai vincere o scoraggiare chi ha uno spirito buono, a prescindere dalla religione in cui si crede. La tolleranza e la pace possono fare miracoli.

Vivo a Dubai da più di tre anni e non mi sono mai sentita come oggi così accettata in questa terra: il rispetto per il mio rappresentante religioso è riflesso per il rispetto nei miei confronti.

Sono orgogliosa di vedere come gli UAE siamo attivamente propensi a quei principi morali in cui ho sempre creduto.

Questa non è stata solo la prima visita di un Papa in territorio islamico, neanche la prima semplice messa professata nella penisola Araba nella storia dell’umanità, bensì la dichiarazione di fratellanza tra musulmani e cristiani, tra leader religiosi e persone comuni.

È la prova tangibile che tutto è possibile: Abbattere pregiudizi, andare oltre alle mere cose, venirsi incontro ed abbracciarsi. Che bella cosa l’abbraccio! 

Grazie Papa, grazie per ciò che hai fatto e farai.

Sono sicura che la tua figura rimarrà indelebile nel cuore di tante persone, non per forza tuoi fedeli! Hai dato, come sempre, una grande testimonianza di umiltà e pace.

Sono orgogliosa davvero perché finalmente è stata data una risposta (non uno schiaffo, ma una carezza ferma) a tutti coloro che pensavano ciò non fosse possible. A tutti quei criminali che usano le religioni per compiere atti indicibili. Almeno qualcuno ha risposto loro con la pace, non con le bombe.

papa-francesco

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi