partenza-avvicina

La partenza si avvicina

Da quando abbiamo deciso di lasciare il Kuwait, non penso ad altro che alla prossima partenza. Come sarà  la nostrapartenza-avvicina nuova avventura?

Sono fatta così io.  Ho bisogno di movimento, di cambiamento, di nuove sfide nella vita seno mi annoio.

Ho contato i giorni, mettendo una croce ogni mattina sul calendario… uno in meno… uno in meno… Adesso, sono rimasti solo 18 giorni. Come mi sento? Strana, confusa, spaventata, ansiosa. Direi che dopo 6 anni qui sia normale sentirsi così. Chissà cosa mi aspetta? Ho deciso di prendere un anno sabbatico: io, che senza fare niente non posso stare!

Oggi, sono andata a cancellare la Civil ID ed ho realizzato in quel momento che era la fine. Un capitolo si sta chiudendo.

Nonostante la paura, mi sento libera, curiosa, sollevata e con la mente piena di progetti. 

Nella nuova vita che mi aspettta avrò tempo a disposizione ed e’ proprio il “tempo” che mi e’ mancato in Kuwait. Sarà forse questo che m’impaurisce? Avere tempo per itrovarmi con me stessa?

Non importa quante volte uno si sia spostato, in quanti paesi sia vissuto. Credo che cambiare vita fa sempre paura. Si assume un rischio e, come dice il proverbio: “si sa quello che si lascia…”.

partenza-avvicinaSarà per questa ragione che tante persone rimangono ferme, nella loro “comfort zone”. Immagino che sia rassicurante per loro e si chiederanno “perché cambiare, perché prendere un rischio”? Avranno ragione? Non so.

Quello che so invece è che essere un expat è uno stato d’animo.

C’è chi ci prova a fare l’expat,  ma poi torna a casa. E ci sono poi gli altri, quelli che, una volta espatriati, non si fermano più, non tornano più perché oramai si sentono estranei proprio lì dove sono cresciuti.

È uno stile di vita che non tutti capiscono.

Per quanto mi riguarda, ho sempre voluto viaggiare e uscire dalla mia comfort zone; è una necessità. Questo, mi permette di andare oltre le mie angosce, di sfidare me stessa, di conoscere i lati nascosti della mia personalità, le mie forze ma anche le mie debolezze.

Cardiff mi aspetta e non vedo l’ora di  aprire questo nuovo capitolo.

partenza-avvicina

Condividi con chi vuoi
1 commento
  1. Elena
    Elena dice:

    Una volta lontano da casa il dove è secondario a mio parere. Qualcuna ci ha definite culos inquietos :-). È nella natura di noi viaggiatrici non accontentaci mai, cercare il meglio perché il prezzo che paghiamo è alto e lo stimolo deve essere all’altezza delle nostre fatiche. Il cambiamento è vita! Buona fortuna per questo nuovo capitolo del tuo percorso.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *