Sicuramente avete fatto dei colloqui dove vi hanno chiesto quali sono i vostri punti di forza: cosa avete risposto?

Sapete quali sono i vostri punti di forza? Avevate già preparato le vostre risposte precedentemente e le riproponete ad ogni colloquio?

Io sinceramente ho sempre fatto così.

Chiedevo a mio marito, molto più esperto di me nell’arte di un buon colloquio, com’era meglio rispondere a queste domande che vengono sempre proposte e poi spiattellavo le risposte preparate. Delle belle rispostine  che mi servivano solPositive-Phsychology-2o per i colloqui, ma che non avevo mai, veramente, interiorizzato.

E voi? Erano semplici risposte o erano davvero sentite come vostre?

Avete mai provato a fare un test? Si`, ci sono test per scoprire i vostri punti di forza! O come si chiamano in Inglese le vostre Character Strengths.

Io ne ho fatto uno consigliato dagli organizzatori del corso di Positive Phsychology.  Il test era uno dei requisiti per poter partecipare alla seconda parte del corso di Positive Psychology che parlava, per l’appunto, delle Character Strengths.

Il test che ci hanno consigliato loro era questo:

https://www.viacharacter.org/Survey/Account/Register

E` in Inglese e non saprei cosa consigliarvi in Italiano.Positive-Phsychology-2

Il test è composto da una serie di affermazioni, 120 per la precisione, e dovete dire quanto queste affermazioni definiscono quello che siete.

Per farvi un esempio: pensare a nuove idee è uno dei miei punti di forza. Descrive la vostra personalità`?

Io ho fatto il mio bravo test, l’ho scaricato, l’ho stampato e poi l’ho messo via pronto per il corso. I risultati del test ti danno un elenco di tutti i punti di forza, ma solo i primi cinque sono quelli più importanti.

Non mi importava molto di questi punti di forza, più o meno avevo un’idea di quelli che erano e questa era solo una conferma, quindi non meritava niente più di tempo di quello che avevo già impiegato a finire il test.

Il giorno del corso, una delle presentatrici ci ha raccontato come anche lei, all’inizio, ha avuto la mia stessa reazione: sì, bene, questi sono i miei punti di forza, adesso lo so e li posso riporre nel cassetto per quando mi chiederanno se ho fatto il test.

Più in là, mesi dopo aver fatto il test, le è capitato di parlare ad uno degli organizzatori di questo test e una nuova prospettiva le si è aperta improvvisamente davanti.

Le hanno infatti detto che: i punti di forza non sono i punti di forza che possediamo e che non possono cambiare, ma piuttosto sono quelli che usiamo di più! Capite? Tutte le persone posseggono TUTTI i punti di forza, ma ne usano alcuni più degli altri.

Perché cambia la prospettiva?

Semplice, perché utilizzando gli altri punti di forza che non usiamo spesso possiamo cambiare completamente i risultati del test! Non è un elenco statico ed immutabile nel tempo. Sta a noi decidere quale punto di forza usare!

Positive-Phsychology-2

Ho voluto provare questa teoria e due mesi dopo aver fatto il primo test ne ho fatto un altro.

Nel primo test i miei primi 5 punti di forza erano: Onestà, Amore per l’apprendimento, Spiritualità, Perseveranza e Coraggio.

Nel secondo erano: Amore, Spiritualità, Onestà, Correttezza e Perseveranza.

Come vedete non erano cambiati di molto, ma per esempio l’Amore per l’apprendimento che era venuto fuori secondo quando ho fatto il test proprio prima del corso (durante il quale dovevo imparare cose nuove), era scomparso nel secondo test quando ormai quel punto di forza non mi serviva quanto prima perché in quel momento non studiavo qualcosa di nuovo.

Una delle meditazioni che vengono suggerite per la mindfulness prevede proprio di iniziare la giornata decidendo quale punto di forza usare.

Consiglia di pensare a quello che si deve fare durante il giorno e quali possono essere i problemi da risolvere e poi di scegliere il punto di forza migliore da utilizzare per quella giornata. Avevo fatto quella meditazione prima, ma non avevo mai apprezzato a pieno quello che in realtà sottolineava: alla fine è tutta una scelta.

E` vero che non possiamo decidere come si comportano gli altri o quello che succede, ma possiamo decidere come reagiamo noi a quei comportamenti ed a quegli avvenimenti!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi