Ho rivalutato me stessa

Elisa - BelgioSono sempre stata una bambina cicciottella, insicura, la ruota di scorta del gruppo ma sempre presente per gli altri.

Il mio problema più grande ha un nome: autostima.

Gli altri erano sempre più belli, più bravi e più simpatici.
Ma le cose erano davvero così o vedevo una realtà distorta?

Oggi ho capito che idealizzavo le persone e mi sottovalutavo.
Questo succedeva fino a poco tempo fa.

Cosa è successo dopo? Mi sono analizzata e capita.

Oggi la mia autostima è ad alti livelli.
Presunzione? No consapevolezza.
Durante questo ultimo anno ho iniziato a lavorare nel network marketing superando due grandi limiti: la vergogna e la paura del giudizio.

Ho fatto tanta formazione e letto molti libri che mi hanno aperto gli occhi e dato una visione diversa.
Ho fatto un bilancio della mia vita, degli ultimi sei anni in particolare e mi sono rivalutata.

Mi sono Apprezzata.

Decidere di licenziarsi e trasferirsi all’estero è stata una decisione pensata e combattuta ma alla fine l’ho fatto.
Molte persone pensano di mollare tutto e cambiare vita ma alla fine dei conti non sempre è facile lasciare lavoro, famiglia e amici per l’ignoto.

Ricominciare non è assolutamente semplice, si trovano ostacoli con la lingua, la burocrazia, la ricerca di un nuovo lavoro e di una sistemazione.

valige

Inserirsi in una società differente e costruire nuove relazioni può sembrare una difficoltà insormontabile.
Questa parte è la più faticosa ancora oggi perché ho sempre trovato difficile fare amicizia.
Probabilmente per i motivi che citavo poco prima.
Anche qui come in Italia i miei amici sono pochi ma quelli giusti e che voglio davvero al mio fianco.

Poi arrivano i figli a sconvolgere e modificare gli equilibri acquisiti.
Vogliamo parlare poi del dover fare i conti con la disabilità di un figlio e ciò che comporta?!
Trovarsi faccia a faccia da lontano con la morte dei propri genitori?

Quante volte ci si deve rialzare dopo essere caduti?

Potrei fare un elenco interminabile di fattori che mi hanno portato alla conclusione che Io Valgo e devo ricordarmelo ogni giorno.

Sono sicura di aver racchiuso in pochi punti l’analisi che ho fatto e che mi ha portato a capire quanto quello che faccio ogni giorno sia importante e quanto io sia forte.

A tutte quelle donne come me che hanno sofferto e soffrono perché non si sentono mai adatte auguro di ritrovarsi e riscoprirsi perché siamo una forza della natura.

Ora che avete letto tutto quello che avevo da raccontare andate a fare un elenco delle vostre qualità e amatevi!

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi