Emozioni…

Emozioni

Image by 5933179 from Pixabay

Non ricordo di quali parlasse Lucio Battisti nella sua canzone che mi sono permessa di citare nel titolo di questo mio articolo, che segna il mio ritorno come autrice di Donne che emigrano all’estero, una comunità della quale sono fiera di fare parte dal 2014.

Posso dire che quelle che provo sono tantissime, e a volte prendono il sopravvento su tutto il resto. Spesso, in questi diciotto mesi dall’ultimo scritto, ho evitato di dare loro un nome o di affrontarle, nascondendo la testa sotto la sabbia. C’é sempre qualcosa di più importante da gestire.

Succede a tutti, certo, ma é difficile quando si vive all’estero da soli, nel mio caso, con due figli ancora giovani, vent’anni l’una e quattordici l’altro, con le loro difficoltà emotive da gestire oltre alle mie; la singletudine una scelta da quando ho imparato a volermi bene e a non accettare compromessi pur di avere accanto qualcuno e alla priorità che é il benessere dei miei figli prima del mio.

 noi

noi

Emozioni…

Ho tentato di gestirle da sola, per anni, durante i quali sono state un misto di sentimenti di colpa per avere lasciato la famiglia in Italia, comuni a tutte noi expat, e non avere dato ai miei figli una famiglia “tradizionale”; di pressione per le responsabilità economiche; di difficoltà e ambizioni lavorative; di amore per la persona sbagliata e di solitudine.

Peso massimo

Peso massimo

Gestite come? Mangiando. Abbuffandomi fino a stare male, il cibo consolazione e condanna, a soffocare le emozioni e un quotidiano difficile in termini di mobilita’, vestiario e salute. Ha funzionato finché non ha funzionato più. E allora ho chiesto aiuto. Sono stata fortunata, l’ho trovato, sia per me sia per i miei figli, le cui emozioni mi trovo a gestire, per poi affrontare le mie.

Emozioni…

Belle, tante, indimenticabili… quelle che rendono ogni giorno speciale, la felicità nelle piccole cose.

E poi quelle legate alla scomparsa mia mamma, che ho chiuso in un immaginario barattolo di vetro nel timore, vero? presunto?, che affrontarle significhi cadere a pezzi, un “lusso” che non posso permettermi.

Emozioni…

Quelle che vorrei raccontarvi ma che sono ancora così raw che mi é impossibile farlo: il motivo dietro la mia assenza da questo blog. Sono rimasta presente tramite il nostro profilo Instagram perché raccontare un immagine non scava così a fondo come lo scrivere per una persona come me che parte dal proprio se per raccontare qualunque cosa. Ne ho sentito la mancanza, mi siete mancati voi; e allora, dopo tanto procrastinare, eccomi qui, a rompere il ghiaccio, a scoperchiare un po’ il barattolo.

mia mamma

mia mamma

Strano come le parole trovino vita propria o seguano un filo completamente diverso da quello pensato prima che prendessero vita su questo foglio bianco virtuale, come le…

Emozioni…

“Tu chiamale, se vuoi, emozioni”.

2 commenti
  1. Samanta - Jena DE
    Samanta - Jena DE dice:

    Bentornata, Elena! Saperti di nuovo attiva sulle pagine di Donne che Emigrano è una grande, grandissima, gioia! È bello sapere di poter leggere le tue parole ancora una volta perché, come già ti dico sempre, arrivano dritte al cuore. Un abbraccio!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con chi vuoi